Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Alluvione in Sardegna: mons. Sanguinetti “Da quello che è successo non è estranea la mano dell’uomo”

© DR
Condividi

La Caritas al lavoro per aiutare la popolazione sarda, il vescovo di Olbia sottolinea la responsabilità dell’incuria e della speculazione nel disastro

Oggi si sono svolti i funerali e il vescovo di Olbia, monsignor Giovanni Sanguinetti, non ha lesinato parole dure durante l'omelia: «Non possiamo lasciare inascoltato il tragico monito che questa disgrazia porta con sè. Da quello che è successo non è estranea la mano dell’uomo. Ci sarebbero stati esiti meno devastanti se avessimo imparato a rispettare i ritmi del creato». E ha poi continuato: «La nostra celebrazione di lutto di oggi sarebbe vuota se non fosse accompagnata da volontà di ricominciare. Solo l’interazione fra noi e le istituzioni può portare alla ricostruzione. Riprendiamoci il nostro futuro» (Corriere della Sera, 20 novembre)

Dopo le esequie, l’arcivescovo Giovanni Angelo Becciu, in qualità di inviato pontificio, ha assicurato alla popolazione la presenza ‘spirituale’ di Papa Francesco “per condividere la vostra angoscia, per invitare tutti a sperare senza cedere allo sconforto, per auspicare vivamente che il rispetto della natura e la necessaria cura del territorio possano evitare in futuro simili devastanti tragedie”. (Quotidiano Nazionale, 20 novembre)

«Le notizie che ci arrivano dalla Sardegna sono preoccupanti e la situazione resta di piena emergenza». Così don Francesco Soddu, direttore di Caritas Italiana, sottolinea la drammatica situazione che si venuta a creare dopo la violenta ondata di maltempo che ha colpito la Sardegna causando morti, sedici e un disperso, ma sopratutto diverse centinaia di sfollati. Don Marco Lai – delegato della Sardegna – ha confermato che le diocesi maggiormente colpite sono quelle di Tempio-Ampurias, Ales-Terralba e Nuoro con «molti paesi allagati e isolati, intere zone sommerse e raccolti distrutti». (Caritas Italiana)

Le caritas di tutta Italia intanto si stanno mobilitando per raccolte di fondi straordinarie a favore della Sardegna. Appena una settimana fa una analoga iniziativa era per le lontana Filippine, oggi il dramma si svolge a casa. Alcuni esempi sono quelli della Caritas di Padova e quella di Bolzano e naturalmente quella di Cagliari medesima, ma non mancano iniziative analoghe in tutta la penisola.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni