Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 03 Dicembre |
Blanca de Castilla
home iconChiesa
line break icon

Martiri di quale verità?

© DR

Vinonuovo.it - pubblicato il 19/11/13

Il cristianesimo non è una spiritualità inoffensiva. È la pazza follia di essere raggiunti da un amore che è infinito. Se no, non è niente

di Timothy Radcliffe

Qualche sera fa padre Timothy Radcliffe – già maestro generale dei domenicani – ha tenuto nell’Abbazia di Westminnster una conferenza sul tema «Una verità che disturba: la Chiesa, i poveri e Oscar Romero». Di quest’intervento – tradotto in italiano dal sito www.finesettimana.org – proponiamo oggi la parte conclusiva (rimandando a questo link per la lettura del testo integrale).

—————————-

«Martire» è la parola greca per «testimone». Circa 100.000 cristiani sono ancora uccisi per la loro fede ogni anno. Ci sono stati più martiri nel XX secolo che in tutti i precedenti secoli della storia cristiana. È passato molto tempo da quando dei cristiani sono morti per la loro fede nel nostro paese. È forse perché la Gran Bretagna è così tollerante o perché siamo così innocui? Forse un po’ entrambe le cose. (Abbiamo tabelle con i turni per la sistemazione dei fiori e la pulizia della chiesa. Ma non ci possiamo immaginare una tabella per essere uccisi: «Abbiamo ancora un posto vuoto nella tabella del martirio per venerdì. Qualcuno è libero?»).

Ho predicato sul martirio in una delle nostre grandi cattedrali quest’estate. Ci sono andato pesante come una palla di piombo. Forse, se diventiamo insistenti, caparbi testimoni della violenza sofferta dai poveri nel nostro paese, anche noi potremmo diventare impopolari. Ad esempio, se dovessimo mostrare come la nostra prosperità sia talvolta il frutto della sofferenza delle persone in varie parti del globo, che muoiono prematuramente a causa dell’inquinamento, dello sfruttamento nelle fabbriche, oberati di lavoro e sottoalimentati. William Cavanaugh ha fatto notare quanto il suo Paese, l’America, fosse notevolmente coinvolto nella morte di Romero: «La pallottola che esplose nel petto di Oscar Romero era prodotta negli USA, così come il fucile da cui fu sparata. Entrambi furono pagati con i dollari delle nostre tasse; abbiamo pagato anche per trasportare due dei tre ufficiali responsabili per l’assassinio alla Scuola dell’esercito USA a Fort Benning, in Georgia. Quando guardo il film Romero, vorrei disperatamente che Romero e i poveri salvadoregni fossero "noi". Invece, la verità è che io sono "loro" tanto quanto sono "noi"».

Che cos’è la verità che i martiri testimoniano? La vita di Romero era radicata nella Parola di Dio, una parola di amicizia. Invita ad aprirci, per essere liberati dall’ossessione di sé. Ci chiama a crescere e a trovare la felicità in un amore che non conosce confini. Il cristianesimo non è una spiritualità inoffensiva… Non è accendere una candela… Non è un accessorio stile di vita o un po’ di legame sociale. È la pazza follia di essere raggiunti da un amore che è infinito. Se no, non è niente.

Talvolta, ciò richiede un dono di sé drammatico e radicale, come per i martiri che vediamo sulla facciata occidentale dell’Abbazia. Ero un bambino di otto anni, immaginavo nemici paracadutati che ci chiedevano di rinunciare alla nostra fede. Il piccolo Radcliffe avrebbe rifiutato e sarebbe morto eroicamente in un crepitare di pallottole, senza dolore, ma universalmente ammirato.

Ma normalmente la nostra testimonianza non è né drammatica né sensazionale. Passa inosservata. Possono essere genitori che faticosamente nella notte lasciano il letto caldo per nutrire un bambino urlante, o che si prendono cura di una persona che ha dimenticato chi ha intorno, persa nella malattia di Alzheimer. Può essere un insegnante che  rimane alzato fino a tardi per preparare le lezioni per il giorno dopo, o anche solo qualcuno che si preoccupa di  sorridere a chi è spossato, sfinito. Può trattarsi di dire sinceramente ciò che si pensa, anche se questo potrebbe rovinare la carriera o far perdere il lavoro.

  • 1
  • 2
Tags:
chiesa cattolicamartiriooscar romero
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MESSA NATALE
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale in sicurezza, i vescovi itali...
Silvia Lucchetti
Remo Girone e la fede ritrovata dopo la malat...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
PIAZZA SPAGNA
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco sceglie la prudenza, niente pi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni