Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 27 Novembre |
Beata Vergine della Medaglia Miracolosa
home iconChiesa
line break icon

Ho chiesto la separazione e vivo in castità, posso confessarmi e comunicarmi?

padre Angelo Bellon, o.p. - Amici Domenicani - pubblicato il 19/11/13

Non si può accedere a questi sacramenti solo se una persona abbandona il coniuge senza motivo oppure dà il divorzio e non si pente di ciò che ha fatto

Caro Padre Angelo,

approfitto ancora della sua disponibilità  e della sua dottrina. Le pongo un quesito che per fortuna non riguarda me stesso dato che non sono sposato. Si dice che i divorziati risposati non possano accedere ai sacramenti e questo mi è  chiaro. Però  mi è  stato detto che anche chi ha chiesto la separazione e poi vive in castità non può più confessarsi e comunicarsi. Ora poiché può risultare impossibile ritornare con la persona lasciata, qui siamo di fronte ad un peccato che non sarà mai perdonato.

Mi spieghi padre.

Saluti

Carissimo,

1. non è perfettamente vero quello che hai sentito. Può essere vero solo in un caso e cioè quando uno colpevolmente o per capriccio abbandona il coniuge, si separa senza motivo oppure dà il divorzio e non si pente di quello che ha fatto. In questo caso perdura in una situazione di peccato e di offesa ai diritti dell’altro coniuge. E come capita per altri casi analoghi, avendo il proposito di persistere nell’offesa ai diritti del coniuge che ha sposato non può essere riconciliato nella confessione e ammesso alla S. Comunione.

2. Può succedere invece che uno colpevolmente dia la separazione o il divorzio, ma poi si penta e giudichi inopportuno per seri motivi tornare alla coabitazione. Se adempie a tutti gli obblighi di giustizia derivanti dalla separazione o dal divorzio, può essere assolto e fare la Santa Comunione.

3. Ecco l’insegnamento della Chiesa in proposito. Giovanni Paolo II, in Familiaris consortio (1981) scrive: “Motivi diversi, quali incomprensioni reciproche, incapacità di aprirsi a rapporti interpersonali, ecc. possono dolorosamente condurre il matrimonio valido a una frattura spesso irreparabile. Ovviamente la separazione deve essere considerata come estremo rimedio, dopo che ogni altro ragionevole tentativo si sia dimostrato vano” (FC 83). Come vedi, il Papa ricorda che vi possono essere situazioni in cui oggettivamente non si può pìù stare insieme.

4. Anche il Direttorio di Pastorale Familiare della Conferenza episcopale italiana pubblicato nel 1993 a proposito dei separati dice:
“La vita concreta della coppia può registrare momenti di incomprensione e di grave difficoltà tali da rendere praticamente impossibile la convivenza coniugale. In tali casila Chiesa ammette la separazione fisica degli sposi e la fine della loro coabitazione” (DPF 207). “La loro situazione non li preclude dall’ammissione ai sacramenti: a modo suo, infatti, la condizione di separati è ancora proclamazione del valore dell’indissolubilità matrimoniale. Ovviamente, proprio la loro partecipazione ai sacramenti li impegna anche ad essere sinceramente pronti al perdono e disponibili a interrogarsi sulla opportunità o meno di riprendere la vita coniugale” (DPF 209).

Ti saluto, ti ricordo al Signore e ti benedico.
Padre Angelo

Tags:
castitàcomunioneconfessionematrimonio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
ILARIA ORLANDO,
Silvia Lucchetti
Iaia: il dono di essere nata e morta lo stess...
Matrimonio cristiano
Karolina Kόzka ha preferito la morte alla vio...
NATALE, IENE, COVID
Annalisa Teggi
Natale, il suo canto di gratitudine commuove ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni