Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 09 Febbraio |
Beata Giuseppina Bakhita
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Sincerità, semplicità, sobrietà: ecco Francesco

Pope Francis simple and sincere – it

©ALESSIA GIULIANI/CPP

mons. Bruno Forte - Il Sole 24 Ore - pubblicato il 18/11/13

Nel pontificato di Francesco uno straordinario tempo di grazia e di speranza per tutti in continuità con Benedetto XVI

L'onda di simpatia, suscitata da Papa Francesco nella Chiesa e nel mondo, è oggetto di valutazioni diverse, perfino di un "conflitto delle interpretazioni”, come mostra il recente dialogo a distanza tra Vittorio Messoti e Liliana Cavani sulle pagine del Corriere della Sera. C'è chi coglie nel messaggio di questo Papa, e nell'entusiasmo che accende, i sintomi di una rinnovata primavera della fede, c'è chi vede emergere nostalgie ingenue e rischiose di pauperismo evangelico. C'è chi riconosce nel consenso che diversi manifestano i rigurgiti di un mai sopito "affetto antiromano", pronto a identificare nel Vescovo di Roma, «venuto quasi dalla fine del mondo», soprattutto il promotore di una riforma radicale della macchina curiale.

Personalmente mi sento in sintonia con chi legge nel pontificato di Francesco uno straordinario tempo di grazia e di speranza per tutti, in continuità con ciò che era stato preparato dalla riforma spirituale voluta da Benedetto XVI, anche se con caratteristiche differenti. Tre elementi mi sembrano entrare in gioco nel modo di essere e di agire di Jorge Mario Bergoglio – Papa Francesco, tali da fargli raggiungere ampiamente e in profondità il cuore di tutti: la sincerità, la semplicità e la sobrietà.

La sincerità di questo Gesuita argentino, divenuto Vescovo della Chiesa «che presiede nell'amore», è per alcuni addirittura spiazzante: le sue dichiarazioni spontanee su temi delicati che riguardano la morale personale e sociale o il bisogno di riforma della Chiesa, non sono certamente frutto di calcolo interessato, e nemmeno di una strategia pastorale.

Papa Francesco si mostra per quello che è e sempre è stato, senza star a misurare gli effetti di ciò che dice sul possibile ritorno d'immagine per sé o per la comunità cattolica. Non per questo, però, il suo agire e i suoi pronunciamenti possono essere considerati avventati: chi come lui da una vita si esercita nella disciplina spirituale e nella meditazione della Parola di Dio e dei testi dei grandi Maestri della fede, non dice mai cose leggere o che non siano state a lungo "ruminate", anche se sul momento possono apparire di sorprendente novità. La sincerità di Francesco è come la punta di un "iceberg", che affiora rimandando a una profondità tutta da scandagliare. Così, ad esempio, la sua insistenza sullo sguardo di misericordia da avere verso tutti, anche e particolarmente verso chi è in situazioni problematiche rispetto alle norme canoniche o alla legge morale, non è che la traduzione del convincimento che lo sguardo di Dio si posa con tenerezza su queste persone e quello della Chiesa e dei suoi pastori non può né deve fare diversamente. Quel «chi sono io per giudicare?», da lui pronunciato in varie occasioni, non indebolisce la legge morale, ma la propone nell'unica ottica secondo cui essa risulta vera, efficace e credibile alla luce del Vangelo: quella dell'amore e della compassione misericordiosa e umile.

Proprio così, Francesco ci interpella tutti sulla nostra sincerità, invitandoci a fidarci della promessa di Gesù, di cui lui tanto si fida: «La verità vi farà liberi» (Giovanni 8,32). E questo bisogno di verità, a giudicare dall'attenzione che suscita questo Papa, è evidentemente ben più vasto di quanto possa apparire a molti.

Un secondo tratto che rende particolarmente amato il Papa argentino è la semplicità del suo modo di comunicare: la preferenza per il "parlare a braccio", da lui tanto spesso dimostrata, non è semplicismo, ma espressione della volontà di raggiungere coloro cui si dirige in maniera al tempo stesso diretta, essenziale e profonda. «Cor ad cor loquitur»: questa massima, tanto cara al grande teologo e cardinale inglese John Henry Newman, esprime bene l'arco di fiamma che questo Papa riesce a stabilire fra sé e chi lo ascolta, facendo avvertire la vicinanza dei cuori nell'accoglienza e nell'ascolto reciproci. Peraltro, la semplicità unita alla profondità era anche un grande merito della comunicazione spirituale di Benedetto XVI: una volta ebbi modo di dire al Papa emerito quanto le Sue omelie, specie quelle fatte a braccio, fossero state capaci di raggiungere le menti e i cuori, unendo la verità e l'amore, la chiarezza e la profondità dei contenuti. La sua risposta fu al tempo stesso disarmante e rivelatrice

[FONTE: http://www.finesettimana.org/pmwiki/uploads/Stampa201311/131117forte.pdf]

Tags:
legge moralemisericordiapapa benedetto xvipapa francescotenerezza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Daily prayer
And today we celebrate...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
See More
Newsletter
Get Aleteia delivered to your inbox. Subscribe here.