Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 27 Novembre |
Beata Vergine della Medaglia Miracolosa
home iconChiesa
line break icon

Pensare a Wojtyła per comprendere Bergoglio

© GIANCARLO GIULIANI/CPP

Jaime Septién - Aleteia Team - pubblicato il 18/11/13

Tra gli ultimi tre pontefici c'è una “continuità creativa”

La stampa, soprattutto tra i vaticanisti, ha speculato molto sulla discontinuità e perfino sulla divergenza tra il pensiero e le posizioni conservatrici o liberali di Giovanni Paolo II e papa Francesco. Per questo, Aleteia ha voluto intervistare il filosofo messicano Rodrigo Guerra López, uno dei maggiori esperti del pensiero di Karol Wojtyła.

Di recente lei ha impartito le “Karol Wojtyła Memorial Lectures” all'Università Cattolica di Lublino, dove Giovanni Paolo II ha insegnato per vari decenni. Qual è il senso di queste “conferenze”? Qual è in fondo l'attualità di Karol Wojtyła come pensatore?

Molto gentilmente, padre Alfred Wierzbicki, direttore dell'Istituto Giovanni Paolo II dell'Università Cattolica di Lublino e uno dei più importanti filosofi della Polonia, mi ha esteso l'invito per offrire una serie di lezioni sul metodo filosofico di Karol Wojtyła.

Credo che proprio questo tema ci aiuti a valorizzare l'attualità del pensiero di Karol Wojtyła-Giovanni Paolo II. Il metodo che il beato Giovanni Paolo II ha elaborato lentamente nel corso degli anni, soprattutto attraverso le sue opere filosofiche, è un invito a far uso della ragione per esplorare l'esperienza fino al suo fondo più radicale e definitivo. È andare dal fenomeno alla base.

In questo modo, Wojtyła non crea un sistema compiuto di pensiero, ma apre un cammino educativo per imparare a pensare, per interrogare la realtà e ottenere risposte fondamentali sull'uomo e sul mondo. Stando così le cose, quando si familiarizza con il metodo fenomenologico di Wojtyła si evita una mera ripetizione meccanica di certe verità e si entra in un itinerario senza fine di ricerca appassionata della verità.

Ripetere verità senza comprendere da dove derivino implica qualche pericolo al momento di interpretare adeguatamente Giovanni Paolo II?

Sì. Sono convinto del fatto che in alcuni ambienti esista un'interpretazione ideologica della filosofia di Karol Wojtyła e poi del magistero di Giovanni Paolo II. È necessario usare sempre la ragione per assentire. L'atto di fede è un consenso razionale di fronte a un dono che mi viene offerto e che mi trascende. Quando l'essere umano si basa su una verità minimizzando l'uso della sua ragione, quando ripete solo in modo formale, perde una grande ricchezza di contenuti e a volte non riesce a condividere con i suoi simili che hanno bisogno di comprendere le ragioni che difendono l'affermazione di una determinata verità. Nel campo della morale cristiana, ad esempio, questo è fondamentale.

Quali sono i rischi che vede in questo?

I rischi di un'assimilazione parziale e perfino tendenziosa sono visibili in alcune controversie che si stanno suscitando in vari settori conservatori che non riescono a comprendere le parole e i gesti di papa Francesco e li contrappongono ai suoi immediati predecessori. Anche se è certo che Wojtyła, Ratzinger e Bergoglio sono persone diverse, è anche certo che Francesco non rappresenta in alcun modo una rottura, ma al contrario una continuità molto creativa e messa in pratica dell'insegnamento di Wojtyła e dello stesso Ratzinger.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Tags:
papa benedetto xvipapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
ILARIA ORLANDO,
Silvia Lucchetti
Iaia: il dono di essere nata e morta lo stess...
Matrimonio cristiano
Karolina Kόzka ha preferito la morte alla vio...
NATALE, IENE, COVID
Annalisa Teggi
Natale, il suo canto di gratitudine commuove ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni