Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Europa occidentale: i crimini anticristiani non sono uno scherzo

@DR
Condividi

Gudrun Kugler commenta il Rapporto sui Crimini d'Odio 2012

L'Osservatorio sull'Intolleranza e la Discriminazione contro i Cristiani ha accolto con favore il Rapporto sui Crimini d'Odio 2012 (http://tandis.odihr.pl/hcr2012/), diffuso il 15 novembre dall'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE) e dal suo Ufficio per le Organizzazioni Democratiche e i Diritti Umani (ODIHR). “Questo rapporto crea consapevolezza, e la consapevolezza è il primo passo per trovare un rimedio”, ha affermato il direttore dell'Osservatorio, la dottoressa Gudrun Kugler.

Un crimine d'odio è un crimine motivato dall'intolleranza contro un certo gruppo all'interno della società. L'atto deve essere un crimine in base al codice penale della giurisdizione legale in cui è commesso, e deve essere stato perpetrato per discriminazione.
Il rapporto annuale si concentra sui crimini d'odio razziale e xenofobo, antisemita e antimusulmano, nonché sui crimini d'odio per discriminazione contro rom e sinti, cristianesimo e altre religioni e background.

In Germania sono stati registrati 414 crimini basati sulla discriminazione contro la religione, 18 dei quali violenti. In Ungheria, la Santa Sede ha riferito di dieci casi di danneggiamento a proprietà ecclesiali e 89 di profanazione di chiese, mentre in Svezia la polizia ha registrato 258 crimini di odio antireligioso, 200 dei quali anticristiani. Nel Regno Unito sono stati registrati 1.543 crimini di odio antireligioso.

Nell'ambito dei crimini contro i cristiani, solo quindici Stati membri dell'OSCE disaggregano i loro dati, e di questi solo sei hanno sottoposto i propri dati per il rapporto.

“È molto importante che tutti gli Stati europei inizino a disaggregare i loro dati sui crimini anche relativamente al cristianesimo, considerando che i crimini d'odio contro i cristiani in Europa occidentale stanno aumentando”, ha affermato la dottoressa Kugler, esortando anche Stati e ONG a sottoporre i dati a loro disposizione all'ODIHR e a lavorare più da vicino con le istituzioni per i diritti umani per trovare soluzioni.

“Dobbiamo iniziare a discutere questo problema anziché negarlo, per trovare rimedi. Altrimenti i crimini d'odio contro i cristiani aumenteranno sempre più, e non ci saranno più soluzioni rapide”, ha aggiunto.

I dati dell'Osservatorio sull'Intolleranza e la Discriminazione contro i Cristiani riguardano, oltre ai crimini d'odio, anche restrizioni legali e intolleranza sociale nei confronti dei cristiani, e sono disponibili all'indirizzo www.IntoleranceAgainstChristians.eu.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.