Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 24 Febbraio |
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Il prefetto Muller boccia ogni apertura ai divorziati risposati

monsignor Muller

© DR

Lucandrea Massaro - Aleteia Team - pubblicato il 13/11/13

A pochi mesi dall'inizio del Sinodo sulla Famiglia, il dibattito sul rapporto tra indissolubilità e accesso ai sacramenti si infervora
Alla “vigilia” del Sinodo della Famiglia del 2014 voluto da Papa Francesco e preparato da un “ascolto” del popolo di Dio da parte della Chiesa tramite un lungo questionario, in Germania si riapre una forma di “scontro” di posizioni circa l'accesso ai sacramenti da parte dei divorziati risposati. Un tema che coinvolge moltissimi fedeli, non solo tedeschi. La fine di un matrimonio canonico comporta – a meno di annullamento – l'impossibilità di accedere all'Eucarestia. 
Con una lettera datata 21 ottobre e apparsa lunedì sulla «Tagespost» (lo stesso quotidiano che il 15 giugno aveva pubblicato un ampio articolo del Prefetto della dottrina negativo verso possibili aperture sull'argomento divorziati risposati, ripubblicato qualche settimana fa da «L'Osservatore Romano»), l'arcivescovo Müller ha bocciato alcune posizioni espresse nel documento della diocesi di Friburgo, ancora per qualche mese guidata dal presidente uscente della conferenza episcopale tedesca Robert Zollitsch. Il documento apriva alla responsabilità dei fedeli se accostarsi o meno ai sacramenti in determinate condizioni. (Vatican Insider, 12 novembre)
Il cardinal Reinhard Marx, coadiutore di Papa Francesco nella riforma della Chiesa voluta da Bergoglio, ha risposto alle argomentazioni di Müller sull’indissolubilità del matrimonio, come a dire che il suo fissare paletti all’ospedale da campo di Francesco, depotenzia già in partenza il dibattito su quelle “problematiche inedite fino a qualche anno fa” che saranno oggetto di confronto in occasione del prossimo Sinodo straordinario sulla famiglia in programma dal 5 al 19 ottobre dell’anno prossimo.Un’assise che non deve partire già ora con risultati preconfezionati né con un instrumentum laboris troppo rigido che impedisca o limiti il franco e libero dibattito. Delle questioni che, secondo quanto scritto nel documento preparatorio del Sinodo, richiedono una risposta “necessaria e urgente”, si discuterà “in modo ampio, con risultati che ora non so prevedere”, ha detto Marx. Ma è chiaro, ha aggiunto l’arcivescovo di Monaco e Frisinga, che qualcosa al “gran numero di fedeli che non comprende perché una seconda unione non è accettata dalla chiesa” andrà detto. E poi, parlare del divorzio come di “fallimento morale” è del tutto “inadeguato”. (Il Foglio, 12 novembre).
Tags:
matrimoniosinodo famiglia
Top 10
See More