Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 27 Novembre |
Beata Vergine della Medaglia Miracolosa
home iconStile di vita
line break icon

Il cimitero: l'unica scuola che funziona

@DR

don Marco Pozza - Sulla strada di Emmaus - pubblicato il 05/11/13

Un invito a tenere i piedi per terra anche se con la corona di gloria sul capo

Con un crisantemo tra le mani e la mestizia nel cuore. Perchè novembre – mese di autunni colorati e di frutti che giungono a maturazione – s'apre sempre con l'immagine austera del cimitero: tra i santi da festeggiare e i defunti da ricordare, scorre il preludio di un mese che è memoria di un passato da rivisitare e occasione per un futuro da organizzare; nel presente di una storia che non prevede prove iniziali ma getta ogni attore allo sbaraglio della scena. Solitamente circondato dalla serietà dei cipressi e illuminato dalla fioca luce dei lumini, ogni cimitero è come l'eco di quella frase con la quale nell'antichità uno dei servi più umili accoglieva il generale che rientrava dopo un trionfo bellico: “memento mori” (“ricordati che devi morire”). Un invito a tenere i piedi per terra anche se con la corona di gloria sul capo: è il prezzo di ogni natura umana.

Perchè ogni cimitero somiglia ad una medaglia dalla doppia faccia. Quella più nobile e ragguardevole: è il luogo della memoria e della gratitudine, l'incrocio di mille sangui e di altrettante voci, il crocevia che collega il passato delle generazioni andate con il futuro di quelle a venire, la conoscenza di ciò che è stato e la grammatica di quello che è, e forse sarà. Abitare per qualche istante un cimitero, magari sostando sul limitare di qualche tomba, non è un gesto che porta sfortuna: è avvicinarsi con piedi di velluto alle sorgenti della propria storia, è raccogliere il testamento di chi ha scritto i capitoli precedenti il nostro, è voler andare avanti voltandosi indietro. Perchè quelle tombe sono come urne che trattengono un sapere da raccogliere, senza disperderne neppure il minimo rigo. Sotto la terra vive l'umanità che ci ha preceduto: la loro eredità si raccoglie lentamente, la loro presenza – trasformata dalla morte – occorre che la si pianga a lungo, il loro ricordo necessita di anniversari con i quali rivangarne la memoria. Entrare in un cimitero è voltarsi indietro molte volte per fare attenzione a non perdere nulla: un sospetto, uno sguardo, l'eco di un ammonimento. Il fascino di una presenza la cui assenza racconta di una vicinanza ancor più ardita. E' creare confidenza con la propria stirpe.

Un cimitero è questo, ma è anche l'altra faccia della medaglia: sono tombe scarne seppur impreziosite di fiori, sono nomi spogli con pochi numeri accanto, di nascita e di morte. Tra l'uno e l'altro un semplice trattino a distanziarli: e dentro quel trattino c'è la sintesi di una storia. La storia di chi è venuto al mondo solo per fare ombra e di chi si è guadagnato i giorni sudando la terra; di chi è vissuto nel suo presente facendo parlare di sé al passato e di chi il suo presente se l'è giocato fino all'ultimo esile respiro; di chi ha vissuto nella nobiltà e nella vigliaccheria, nella crudeltà e nell'amabilità, nello stupore e nell'abitudine; gente morta straziata nelle sue carni, usurata dalla stanchezza e gente morta nuova di stecca. Gente che ha amato la vita, gente che l'ha temuta, gente che l'ha tradita: i cimiteri custodiscono le ceneri di gente che è morta come è vissuta. Lì dentro sono tutti uguali, quasi che la partita della storia di quaggiù si fosse ri-azzerata e tutto fosse pronto per dare inizio a quella di lassù, la storia vera. Fuori tutto: capitali e investimenti, poderi e appezzamenti, notai e avvocati. Soldi liquidi, terre fabbricabili e soldi in avanzo. Fuori tutto: nella memoria di un cimitero – nell'intermezzo tra l'umano e l'Eterno – ad essere custoditi sono solo i gesti compiuti e il loro significato più profondo.

A passeggiare tra le tombe, piccoli particolari colpiscono: un crisantemo, una data, uno scatto di fotografia. Un semplice rimbalzo di ricordi che sembravano perduti. Piccoli particolari, con uno grande a sovrastarli: i cimiteri sono pieni zeppi di persone che si pensavano indispensabili per l'umanità.

(da Il Mattino di Padova, 3 novembre 2013)

Tags:
cimiteromorte
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
ILARIA ORLANDO,
Silvia Lucchetti
Iaia: il dono di essere nata e morta lo stess...
Matrimonio cristiano
Karolina Kόzka ha preferito la morte alla vio...
NATALE, IENE, COVID
Annalisa Teggi
Natale, il suo canto di gratitudine commuove ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni