Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 26 Gennaio |
Conversione di Paolo
home iconNews
line break icon

Maternità surrogata: un comitato per le ragioni del "no"

@DR

Chiara Santomiero - Aleteia Team - pubblicato il 04/11/13

Fenomeni analoghi interessano donne delle campagne povere del Marocco (Avvenire 19 agosto), della Cina, del Vietnam, della Thailandia (Avvenire 13 agosto) così come di Panama o Guatemala (Avvenire 8 agosto) oppure di Russia e Ucraina (Avvenire 7 agosto).

Davvero una donna può accettare di avere un figlio tramite un’altra senza nessuna ripercussione per la propria integrità psichica e la propria vita? E la donna che porta avanti una gestazione per nove mesi può considerarlo semplicemente un lavoro, per quanto possa essere spinta dalla disperazione di condizioni economiche precarie? "Il dolore di una donna che vorrebbe essere madre e non ci riesce – spiega la psicoterapeuta Giuliana Mieli – va rispettato, compreso e il più possibile lenito. Ma l’egoismo di chi trasforma la realizzazione del proprio sogno nell’incubo di un altro non va sottoscritto né sostenuto". Si può avere un’idea delle dinamiche che vengono poste in atto guardando al caso delle donne che hanno deciso di portare avanti una gravidanza ma di dare poi il figlio in adozione. "Sono esperienze da cui si esce davastate anche se fin dall’inizio si è consapevoli di quel che succederà dopo il parto e lo si è deciso in totale autonomia, senza costrizioni" afferma Mieli secondo la quale "sono certa che la condizione emotiva ed emozionale in cui si vengono a trovare sia identica". Forse peggio. "Perché il figlio che avevano in grembo non lo hanno ceduto. Lo hanno venduto: «Una ferita che segna entrambe le donne. E la loro creatura che aveva diritto a un concepimento fondato sull’amore»" (Avvenire 14 agosto).

  • 1
  • 2
Tags:
bioeticautero in affitto
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
4
Perdonare
Bret Thoman, OFS
I 4 passi del perdono secondo un esorcista
5
Silvia Lucchetti
A 18 anni, sola in ospedale: il pianto di un neonato mi ha ridato...
6
Tzachi Lang, Israel Antiquities Authority
John Burger
Un'iscrizione che riporta “Cristo nato da Maria” ritrovata in un'...
7
WOMAN,OUTSIDE,BORED
Gelsomino Del Guercio
Soffri di accidia? Scoprilo e segui i rimedi di un monaco del IV ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni