Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 01 Dicembre |
Sant'Andrea
home iconChiesa
line break icon

Testimoni di Geova: la non liceità delle immagini per adorare Dio

© Fred DE NOYELLE / GODONG

Jorge Martínez Lucena - Aleteia Team - pubblicato il 31/10/13

Si ignora che anche il popolo di Israele ha fatto uso di immagini nel Tempio di Gerusalemme e nelle sinagoghe

Riportiamo l’ultimo contributo della nostra serie sui falsi insegnamenti dei Testimoni di Geova che contraddicono la fede cristiana e che dicono essere basati sulla Bibbia. Qui puoi trovare il primo, il secondo, il terzo e il quarto e il quinto contributo.

Sesto mito

NON
È
CORRETTO USARE IMMAGINI PER ADORARE DIO

Come si è originato il mito?

a) Per un’errata interpretazione della Sacra Scrittura (Antico e Nuovo Testamento). Si estrapolano dal contesto Es 20, 4-5 e altri passi che si riferiscono agli idoli per dire che Dio proibisce le immagini e per insegnare che queste non devono essere utilizzate nel culto divino.

b) Per una mancanza di conoscenza della storia di Israele e della Chiesa. Si ignora che il popolo di Israele ha usato immagini nel Tempio di Gerusalemme (1Re 6 e 7) e nelle sinagoghe, e che i primi cristiani hanno utilizzato immagini fin dall’inizio, come si può vedere nelle catacombe.

Cosa dice la Bibbia?

Secondo la Bibbia, è possibile utilizzare immagini e oggetti sacri nel culto che si rende a Dio e negli spazi consacrati al Signore per adorarlo. Come afferma il Catechismo della Chiesa Cattolica (n. 2130), “fin dall’Antico Testamento, Dio ha ordinato o permesso di fare immagini che simbolicamente conducessero alla salvezza operata dal Verbo incarnato: così il serpente di rame, [Cfr. Nm 21,4-9; Sap 16,5-14; Gv 3,14-15 ] l’arca dell’Alleanza e i cherubini [Cfr. Es 25,10-22; 1Re 6,23-28; 1Re 7,23-26]”.

Vediamo questi passi biblici.

In Esodo 25 leggiamo che Dio chiede un santuario e tutto il necessario per rendergli culto:

“Essi mi faranno un SANTUARIO e io abiterò in mezzo a loro. Eseguirete ogni cosa secondo quanto ti mostrerò, secondo il modello della Dimora e il modello di tutti i suoi arredi” (Es 25, 8-9).

Tra le cose necessarie per il culto spicca l’Arca dell’Alleanza. Vediamo le sue caratteristiche:

“Faranno dunque un’arca di legno di acacia: avrà due cubiti e mezzo di lunghezza, un cubito e mezzo di larghezza, un cubito e mezzo di altezza. (…) Nell’arca collocherai la Testimonianza che io ti darò. Farai il coperchio, o propiziatorio, d’oro puro; avrà due cubiti e mezzo di lunghezza e un cubito e mezzo di larghezza. FARAI DUE CHERUBINI D’ORO: li farai lavorati a martello sulle due estremità del coperchio. Fa’ un cherubino ad una estremità e un cherubino all’altra estremità. Farete i cherubini tutti di un pezzo con il coperchio alle sue due estremità. I cherubini avranno le due ali stese di sopra, proteggendo con le ali il coperchio; saranno rivolti l’uno verso l’altro e le facce dei cherubini saranno rivolte verso il coperchio. Porrai il coperchio sulla parte superiore dell’arca e collocherai nell’arca la Testimonianza che io ti darò. IO TI DARÒ CONVEGNO APPUNTO IN QUEL LUOGO: PARLERÒ CON TE DA SOPRA IL PROPIZIATORIO, IN MEZZO AI DUE CHERUBINI che saranno sull’arca della Testimonianza” (Es 25, 10.16-22).

Questo santuario è una tenda mobile che ha accompagnato Israele dalla sua permanenza nel deserto fino alla costruzione del Tempio di Salomone. È stato chiamato Tenda dell’Incontro o Tenda della Testimonianza, perché è lo spazio di incontro tra Dio e il suo popolo attraverso Mosè. Aveva quindi due cherubini di oro massiccio che Dio stesso ha fatto costruire, come si legge nel versetto 18.

Consideriamo altre caratteristiche di questo santuario:

“Quanto alla Dimora, la farai con dieci teli di bisso ritorto, di porpora viola, di porpora rossa e di scarlatto. VI FARAI FIGURE DI CHERUBINI, lavoro d’artista. Lunghezza di un telo: ventotto cubiti; larghezza: quattro cubiti per un telo; la stessa dimensione per tutti i teli” (Es 26, 1-2).

  • 1
  • 2
Tags:
bibbiadioimmaginetestimoni di geova
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
LOURDES
Il Cattolico
Novena preparatoria all'Immacolata Concezione...
ANGEL
Philip Kosloski
A cosa assomigliano i nostri angeli custodi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni