Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

Michele Mirabella: “continuo a implorare la Luce”

@DR
Condividi

Da vent’anni conduce Elisir su RaiTre. Del suo rapporto con la fede dice: è una ricerca ininterrotta

“Credente combattuto, arruffato, confuso, inerme, debole, vulnerabile che continua a implorare la luce”, si definisce così Michele Mirabella, filosofo, classicista e ormai anche un po' medico, da quasi 20 anni saldamente al timone di Elisir, il programma di medicina e divulgazione scientifica di RaiTre.

Maestro di garbo ed eleganza, Mirabella che nella vita si è occupato di Tv, teatro, ed ha lavorato anche per il cinema e per la pubblicità come attore, regista e sceneggiatore, si racconta così in una intervista alla rivista “A sua immagine”: “Faccio mio il motto apostolico di Giovanni Paolo II, Totus tuus, e mi abbandono alla speranza, all'ineffabile contemplazione, come San Francesco”.

Ma c'è stata una fase della sua vita in cui ha sentito in modo particolare la vicinanza di Dio? “Forse – risponde il famoso conduttore – quando ho perso mamma. E mi vengono in mente i versi di una poesia di Giuseppe Ungaretti, La madre, in cui il poeta immaginava la mamma ai piedi del trono dell'Altissimo impegnata a implorare per lui”.

Mirabella racconta poi di sentirsi particolarmente legato alla Madonna di Pompei: “I miei genitori si sposarono nella cittadina campana per adempire un voto. Mentre mio padre era legato a Santa Rita e diceva scherzosamente che per me, giovane scavezzacollo, ci volesse solo la santa degli impossibili. Questo ricordo mi strappa ancora oggi un sorriso. Ho molta nostalgia dei miei genitori”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni