Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 23 Ottobre |
San Giovanni Paolo II
Aleteia logo
home iconNews
line break icon

Simone e gli altri: il rischio della “omofobia di ritorno”

© Andrey Shadrin

Chiara Santomiero - Aleteia Team - pubblicato il 28/10/13

Cantelmi: "dietro il suicidio o l'omicidio si cela sempre una lunga storia di sofferenza"

«L’Italia è un Paese libero ma esiste l’omofobia e chi ha questi atteggiamenti deve fare i conti con la propria coscienza»: sono le parole che un giovane di 21 anni, Simone, avrebbe scritto prima di buttarsi nel vuoto dall’undicesimo piano di un edificio di Roma. Un atto di accusa e un sentimento di frustrazione profonda legata all’essere gay, condizione ignorata anche dai genitori. Gli inquirenti stanno indagando per capire se il giovane fosse stato oggetto di discriminazioni o vessazioni da qualcuno. Quel che è certo è che, se confermate queste motivazioni, Simone sarebbe il terzo giovane che si toglie la vita per questi motivi nella capitale nell’arco di 12 mesi mentre le associazioni gay dichiarano che un omosessuale su 10 ha pensato al suicidio a causa dell’ostilità o della incomprensione dell’ambiente che lo circonda. Sono gesti dietro i quali si cela sempre una profonda sofferenza, come spiega Tonino Cantelmi, psichiatra e psicoterapeuta.

Cosa ci dicono questi episodi?

Cantelmi: Non sappiamo se Simone sia stato oggetto di discriminazione; quello che sappiamo, se è vero quanto riferito dai media, è che non sentiva possibile essere se stesso, in altri termini che sentiva la sua sofferenza  insuperabile. Questo è il punto: possibile che nessuno abbia la capacità di intercettare la sofferenza di persone come Simone? Certo possiamo scaricare sulla società ostile tutto il peso di alcuni drammi, ma non credo che le cose stiano così. Credo che il vero punto debole sia il fatto che molte sofferenze sono vissute in silenzio e che poi esplodano in apparenti raptus. Ma non si tratta di raptus: dietro c’è una lunga storia. Lo so che la strumentalizzazione politica del momento sposterà nel caso di Simone l’accento sulla società ostile e non sulla incapacità del sistema di intercettare la sofferenza individuale prima che esploda, in questo caso con un suicidio e in altri casi con omicidi.

C’è un atteggiamento omofobo nel nostro Paese? E se esiste, in che cosa affonda le sue radici?

Cantelmi: Credo che ancora esistano molte forme di esclusione dell’omosessualità, frutto di un pregiudizio che affonda le sue radici in una sorta di irrazionale paura della diversità, e credo che si stia affermando una sorta di "omofobia di ritorno", legata alla percezione di una sorta di dominio del politicamente corretto che toglie spazio ad un autentico e libero dibattito. Tuttavia nel complesso la società italiana sta effettuando un percorso irreversibile di inclusione, che a me pare estremamente significativo. Vorrei che fosse un percorso condiviso, privo di rabbiosità, di imposizioni o di strappi e che non suscitasse, appunto, quella che io chiamo "omofobia di ritorno". A mio parere i tempi sono maturi perchè questo percorso di inclusione, che ci riguarda tutti, possa giungere a compimento.

Lei ha scritto un libro su "Educare al femminile e al maschile": cosa significa? ci sono anche delle implicazioni legate al tema dell’omosessualità?

Cantelmi: Educare al femminile e al maschile significa rispettare le differenze di genere e riflettere su alcune ideologie omologanti che potrebbero essere fonte di una nuova forma di discriminazione; ma questo non c’entra con l’orientamento sessuale. E’ un dibattito in corso e io nel libro analizzo gli studi scientifici che riguardano il maschile e il femminile al di là dell’orientamento sessuale.

Con quale atteggiamento gli educatori, soprattutto i genitori, sono chiamati ad accogliere la manifestazione di omosessualità di un ragazzo perché questi possa non sentirsi respinto?

Cantelmi: Di fronte al manifestarsi di una diversità i genitori non possono che fare una cosa: amare i figli in modo incondizionato.

Tags:
omofobiaomosessualitàsocietasuicidio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
MARCELLO BELLETTI
Annalisa Teggi
Un padre, una madre e 7 figli. Non è follia ma sovrabbondanza
3
VENEZUELA
Ramón Antonio Pérez
Quando la vita nasce dall’abuso atroce di una ragazza disabile
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
SQUID GAME, NETFLIX
Annalisa Teggi
Squid game, il gioco al massacro è un mondo senza misericordia
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni