Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Francia: no all’obiezione di coscienza per le “nozze gay”

© DR
Condividi

Si prospetta ora il ricorso alla Corte dei diritti dell’uomo di Strasburgo

Venerdì 18 ottobre è stata pubblicizzata la decisione dei 12 membri del ‘Consiglio costituzionale’ francese di non riconoscere il diritto all’obiezione di coscienza ai sindaci e agli assessori che non intendono per convinzione personale celebrare i cosiddetti ‘matrimoni gay’. Per il ‘Consiglio costituzionale’ l’odierna versione della legge Hollande-Taubira in materia di diritto di famiglia è conforme alla Costituzione, anche se non prevede tale possibilità. E’ stata così respinta la richiesta del ‘Collettivo dei sindaci per l’infanzia” (forte di oltre ventimila membri tra sindaci e assessori) di riconoscere il diritto di obiettare, delegando la celebrazione al prefetto o ai suoi delegati. Per gli obiettori, sindaci e loro delegati, sono previste la reclusione fino a cinque anni e una pena pecuniaria di 75mila, come risulta dalla circolare del 13 giugno scorso, inviata dal ministro dell’Interno Manuel Valls ai prefetti (cui è ingiunto del resto di “segnalare al Procuratore della Repubblica ogni comportamento di un ufficiale di stato civile che impedisse il matrimonio tra due persone dello stesso sesso sul territorio di un comune”).   

Proprio di tale circolare avevano chiesto il 2 luglio l’annullamento al ‘Consiglio di Stato’ (l’istanza massima per i ricorsi contro decisioni di un’autorità pubblica) alcuni sindaci, appoggiati dal ‘Collettivo’ che a sua volta aveva posto una “questione prioritaria di costituzionalità” riguardante la legge Hollande-Taubira. Il 16 settembre il ‘Consiglio di Stato’ aveva dichiarato ricevibile la “questione” demandandone il giudizio al ‘ Consiglio costituzionale’ (organo che valuta la conformità delle leggi alla Costituzione francese). L’8 ottobre, con rapidità inusitata (di solito passano un paio di mesi) e dimezzando il tempo normalmente concesso ai ricorrenti per esporre le ragioni del ricorso, il ‘Consiglio costituzionale aveva esaminato la ‘questione’: il responso è stato reso pubblicamente, come detto, il 18 ottobre.  

Dall’entrata in vigore della legge Hollande-Taubira (promulgata il 17 maggio) si sono registrati nelle 50 maggiori città francesi 596 ‘matrimoni gay’, un numero tutt’altro che impressionante e che svela le panzane propagandistiche dei sostenitori di una legge il cui primo obiettivo è sempre stato quello di imporre a ogni costo un nuovo tipo di società. Forte la resistenza di ampi strati della popolazione (vedi le ripetute e massicce manifestazioni della ‘Manif pour tous’ e dei ‘Veilleurs debout’, vittime non raramente di una repressione poliziesca ingiustificata e inaccettabile), cui hanno fatto da corollario diversi rifiuti di sindaci e assessori intenzionati a rivendicare il diritto all’obiezione di coscienza in materia. Tra gli ultimi casi quello del ‘no’ deciso dal sindaco e dell’intera giunta municipale della città provenzale di Orange, vicina ad Avignone.

IL RICORSO A STRASBURGO HA DELLE POSSIBILITA’ DI ESSERE ACCOLTO: LO SPIEGA GREGOR PUPPINCK

Ora i sindaci obiettori hanno annunciato il ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo, la stessa la cui Grande Chambre il 18 marzo 2011 ha ribadito la legittimità del Crocifisso esposto nelle aule della scuola pubblica italiana, ribaltando la precedente sentenza di una sua sezione del 9 novembre 2009.

Come rileva Grégor Puppinck, direttore del Centro europeo per la legge e la giustizia, la Corte europea si è già pronunciata più volte su casi di obiezione di coscienza. Secondo la giurisprudenza prevalente, i sindaci obiettori dovrebbero potersi avvalere della protezione offerta dall’articolo 9 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo, che – sotto il titolo “Libertà di pensiero, di coscienza e di religione’ – al punto 2 recita: “La libertà di manifestare la propria religione o il proprio credo non può essere oggetto di restrizioni diverse da quelle che sono stabilite dalla legge e che costituiscono misure necessarie, in una società democratica, alla pubblica sicurezza, alla protezione dell’ordine, della salute o della morale pubblica, o alla protezione dei diritti e della libertà altrui”. La protezione offerta dall’articolo 9, rileva Puppinck, “obbliga lo Stato a istituire un meccanismo che permetta di conciliare i diritti e gli interessi contrastanti in causa, e non solo a giustificare la prevalenza dei diritti di una parte”. Tale meccanismo di conciliazione non si ritrova nella decisione del ‘Consiglio costituzionale’ francese riguardante l’obiezione di coscienza nella legge Hollande-Taubira. Si ritrova invece nei ricorrenti: essi sostengono che, anche in presenza di un’obiezione di coscienza dei sindaci e dei loro delegati, la legge permette ai prefetti e ai loro delegati di procedere d’ufficio alla celebrazione dei ‘matrimoni gay’.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.