Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 26 Gennaio |
Santi Timoteo e Tito
home iconStile di vita
line break icon

Tre ragioni per il grido di «vergogna» del Papa

Marcin Mazur/Catholic NewsUK

mons. Bruno Forte - Il Sole 24 Ore - pubblicato il 21/10/13

Naturalmente, il doveroso rimando alle responsabilità europee non esime il nostro Paese dal fare la sua parte: non basteranno dichiarazioni o gesti retorici. Occorre coniugare la disciplina dell’accoglienza al rispetto della dignità di chi viene a noi per fuggire dalla violenza e dalla fame. Un accogliere senza regole è parimenti sbagliato che un atteggiamento di incivile rigetto o di semplice difesa, che faccia tout court del clandestino un criminale. E finalmente, è ogni organismo intermedio che sia coinvolto a dover offrire il meglio di sé, educando anzitutto i cittadini a una cultura capace di vedere nell’altro il fratello in umanità, che tanto somiglia ai nostri antenati immigrati in giro per il mondo, cui è stata data la possibilità di costruirsi una nuova vita, pur con tanti sacrifici. In questa direzione, mi sembra che non pochi segnali positivi vengano dall’azione della Chiesa e delle sue Caritas, quella nazionale e quelle diocesane.

Infine, nel grido di Francesco va colto un invito a porci davanti a un giudizio che ci trascende: la vergogna si prova davanti a qualcuno, e questi nella visione del Papa è anzitutto la vittima delle colpe personali e collettive, è poi in particolare ciascuno dei nostri ragazzi e giovani, cui stiamo dando un pessimo esempio di come vivere la solidarietà e l’accoglienza fra gli uomini, ma è anche e certamente il Dio della vita e della storia, misura ultima del giudizio sui nostri comportamenti, Padre universale di fronte a cui riconoscerci famiglia umana, solidale e corresponsabile per vocazione. Per chi crede, il giudizio divino non è solo un orizzonte lontano, ma un’imminenza che sovrasta e che raggiunge gli abissi del cuore.

Anche chi non crede, però, ha la voce della coscienza da ascoltare, lì dove sono inscritte le verità espresse dalle parole del Decalogo destinate a tutto l’uomo, a ogni uomo. Chiamare in causa la coscienza e il giudizio di Dio non è dunque operazione di parte, ma scelta che aiuta tutti a trovare ragioni che motivino all’impegno per l’altro, soprattutto se povero o indifeso, nella maniera più radicale e ineludibile. Allora ciascuno potrà sentire rivolte a sé le parole di Colui che si è fatto esule e pellegrino per amore di tutti: «Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla creazione del mondo, perché ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere, ero straniero e mi avete accolto, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, ero in carcere e siete venuti a trovarmi» (Mt 25,34-37). Diversamente, a fallire sarà la nostra umanità e la qualità stessa del futuro di tutti.

  • 1
  • 2
Tags:
immigrazionelampedusapapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
4
Perdonare
Bret Thoman, OFS
I 4 passi del perdono secondo un esorcista
5
Silvia Lucchetti
A 18 anni, sola in ospedale: il pianto di un neonato mi ha ridato...
6
Tzachi Lang, Israel Antiquities Authority
John Burger
Un'iscrizione che riporta “Cristo nato da Maria” ritrovata in un'...
7
WOMAN,OUTSIDE,BORED
Gelsomino Del Guercio
Soffri di accidia? Scoprilo e segui i rimedi di un monaco del IV ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni