Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 27 Novembre |
Beata Vergine della Medaglia Miracolosa
home iconNews
line break icon

Regno Unito: niente più giuramento sulla Bibbia nei processi

@DR

La nuova Bussola quotidiana - pubblicato il 10/10/13

I magistrati inglesi propongono di far testimoniare gli accusati senza doversi appellare a Dio

di Elisabetta Broli

Dopo il crocifisso, dai tribunali inglesi potrebbe sparire anche la Bibbia: i magistrati hanno infatti proposto di rimuovere durante i processi il giuramento – secondo la prassi attualmente in vigore – pronunciato sulle Sacre Scritture. Testimoni ed accusati potranno sostenere di dire la verità senza appellarsi a Dio per garantire solennemente la validità delle proprie parole. Eppure è un gesto nato con l’uomo: Abramo (Genesi 14,22) dice al re Salomone: “Alzo in effetti la mano in giuramento a Javhè, l’Iddio Altissimo, che ha fatto il cielo e la terra”. Ed anche i greci nell’antichità quando dovevano giurare alzavano una mano verso il cielo o toccavano un altare. Tradizioni che portavano l’uomo a riconoscere l’esistenza di una potenza divina in grado di valutare il proprio comportamento e quindi alla quale rendere conto. Una giustizia divina oltre a quella umana.

Non c’è nulla, nell’Antico o nel Nuovo Testamento, che vieti il giuramento davanti a Dio, come ha invece sostenuto un quotidiano londinese, neppure nelle parole di Gesù “ma io vi dico non giurate affatto, né per il cielo perché è il trono di Dio, né per la terra perché è lo sgabello dei suoi piedi…” (Matteo 5, 34-35): in un periodo di abuso del giuramento per motivi futili, in cui si giurava per il cielo, per la terra, per Gerusalemme e anche per la propria testa, sono state necessarie per radicare nei discepoli la reciproca fiducia, l’onestà e la sincerità. Sempre Gesù: “Sia invece il vostro parlare sì-sì, no-no: il di più viene dal maligno”.

Ma oggi in Gran Bretagna potrebbe venir meno la libertà, di un cristiano ma anche di un ebreo o di un musulmano, di giurare sui propri Testi Sacri, in nome di una libertà anch’essa secolarizzata come la società, in cui chi non crede vuole dettare le regole a chi crede. Permettere ad un credente di giurare sulla Bibbia o sul Corano non impedisce ad un ateo di giurare con una formula laica, una possibilità garantita dal codice inglese.

Questo nuovo giuramento “senza la presenza di Dio”, sostengono i magistrati inglesi (che presenteranno la proposta di legge all’assemblea generale della loro associazione in programma a fine mese) aiuterà a capire l’importanza di quanto testimoniato, molti oggi giurano sulla Bibbia senza credere che sia Parola di Dio, la coscienza religiosa scarseggia, e si potrebbe più facilmente essere tentati di non dire la verità. E intanto Lord Chancellor and Justice Secretary, Chris Grayling, è dello stesso parere: le critiche sono infondate. In altre parole: la proposta diventerà legge.

La Chiesa ha fatto sentire il proprio dissenso attraverso il vescovo di Rochester, Michael Nair-Ali: «È una discesa scivolosa verso l’incremento della secolarizzazione, la Bibbia ha un legame con la costituzione, le istituzioni e la storia del nostro Paese. Il poter scegliere come giurare è un diritto di ogni persona. Ed invece in nome della tolleranza si restringe la scelta, chi non crede ha maggiori diritti di chi crede, e non soltanto in questo caso».

E vestire questa decisione con le solite due parole con le quali si sono giustificate decisioni contrarie alla religione e alla fede, politically corret, non cambierà di certo le conseguenze della scelta.

Tags:
regno unito
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
ILARIA ORLANDO,
Silvia Lucchetti
Iaia: il dono di essere nata e morta lo stess...
Matrimonio cristiano
Karolina Kόzka ha preferito la morte alla vio...
NATALE, IENE, COVID
Annalisa Teggi
Natale, il suo canto di gratitudine commuove ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni