Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 17 Giugno |
Beato Joseph-Marie Cassant
home iconChiesa
line break icon

Ma Dio mi ascolta se prego con il pensiero?

© Alain PINOGES / CIRIC

don Antonio Rizzolo - Credere - pubblicato il 10/10/13

Come dice Gesù nel Vangelo, il Padre vede nel segreto del nostro cuore e ci risponde. Ma noi sappiamo ascoltare la sua voce?

Mi pongo spesso questo problema sulla preghiera: quando sono solo, in casa o in chiesa, prego con le labbra, la voce, meditando ogni singola frase, ad esempio del Padre nostro, ma pregando e meditando con il pensiero, la mia preghiera Dio la sente? La accetta? E la Madonna?

Stefano

Caro Stefano,

c'è un bel brano del Vangelo che può aiutarti a trovare una risposta al tuo problema. Un giorno Gesù, vedendo come alcuni pregavano in modo ostentato, in piedi davanti a tutti, in grade evidenza, per essere visti dagli altri, disse che costoro avevano già ricevuto la loro ricompensa. E aggiunse: “Invece, quando tu preghi, entra nella tua camera, chiudi la porta e prega il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà” (Matteo 6,6).

Gesù esprime così l'essenza della preghiera, che è dialogo intimo, personale, unico con Dio. Un Dio che “vede nel segreto”, cioè che conosce e comprende nel profondo chi siamo, i nostri desideri, le nostre aspirazioni, la voglia di bene che c'è nel nostro cuore. Il Padre, dunque, sente ogni nostra preghiera, accetta ogni cosa che gli presentiamo perché ci vuole bene e vuole il nostro bene. Da parte nostra, come avviene in ogni vero dialogo, dobbiamo sì presentare le nostre richieste, meditare le parole del Padre nostro o di altre espressioni di lode, come quelle dei Salmi, ma soprattutto dobbiamo imparare ad ascoltare la voce del Signore. E perché questo avvenga c'è bisogno di silenzio, di attenzione, di disponibilità alla volontà di Dio. Di accogliere la sua presenza nella nostra vita perché lo Spirito Santo la trasformi.

Come dice Gesù nel libro dell'Apocalisse: “Ecco: sto alla porta e busso. Se qualcuno ascolta la mia voce e mi apre la porta, io verrò da lui, cenerò con lui ed egli con me” (3,20). Questa immagine della cena conviviale esprime in maniera straordinaria l'amicizia, la confidenza, la libertà del nostro rapporto con Dio nella preghiera. Impariamo a pregare così, nel segreto, nella “camera” più interna del nostro cuore, dove non ci possono essere finzioni, ostentazioni, bugie, ma siamo quelli che siamo davanti a Dio, colui che, come scriveva sant'Agostino, è più intimo a noi di noi stessi. Questo ci insegna a pregare in maniera sempre più autentica anche quando siamo insieme agli altri, in particolare nell'assemblea liturgica. Soprattutto ci insegna a fare di tutta la nostra vita una preghiera, un dialogo continuo con il Signore, nell'offerta di quello che siamo e facciamo, nell'ascolto continuo dello Spirito Santo che ci parla in ogni persona e in ogni evento. Affinché la preghiera stessa diventi vita, scelte quotidiane secondo il Vangelo, testimonianza dell'amore di Dio.

Un'ultima annotazione sulla Vergine Maria. Certamente anche lei ascolta la nostra preghiera, compresa quella espressa con il pensiero, e intercede per noi presso il suo Figlio. In particolare il rosario, con la sua ripetizione delle parole bibliche e della tradizione rivolte a Maria, con la sua meditazione dei misteri di Cristo, dispone il nostro cuore all'ascolto del Signore. E ci ricorda che nella lode e nella preghiera siamo in comunione con tutta la Chiesa, con i santi e con la Madonna stessa, che prega e intercede per ciascuno di noi.

Tags:
preghiera
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
3
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
6
ANDREA BOCELLI FATIMA
Paola Belletti
Andrea Bocelli a Fatima: “Maria è il percorso obbligatorio ...
7
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni