Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 17 Gennaio |
Sant'Antonio
home iconStile di vita
line break icon

Silvia Salemi: “Il canto è la mia preghiera intima”

@DR

Aleteia Team - pubblicato il 09/10/13

Fin da piccola inizia un cammino di fede che, da adulta, la porta a mettere da parte la carriera per dedicarsi alla famiglia

Nello show business devi rimanere sempre sulla “cresta dell'onda”, altrimenti sei out. Eppure Silvia Salemi ha scelto di avere due bimbe, di stare con la famiglia, di laurearsi in Lettere, e di dedicarsi agli affetti più privati lontano dai riflettori, pur continuando a scrivere e comporre musica. “Al personaggio che poteva anche sbiadirsi ho preferito la ricchezza della maternità”, ha detto in una intervista apparsa su “A Sua Immagine” (12 ottobre).

Divenuta popolare alla fine degli anni Novanta con il brano sanremese “A casa di Luca”, oggi è una donna cresciuta, anche nella fede: “Provengo da una famiglia molto cattolica che mi ha sempre lasciato libera”. “Per questo, senza costrizioni o imposizioni, ho scelto autonomamente di indirizzare la mia vita verso un percorso di fede ben delineato. Da qui la scelta di sposarmi in Chiesa, di battezzare i miei figli. Oggi, sono assolutamente appagata da questa decisione, pur non giudicando mai chi preferisce altre vie”.

Della sua passione per il canto, la Salemi dice: “Mentre nelle orazioni potresti anche scordarti qualche frase, la 'parola cantata' viene direttamente dall'anima, è immediata. E sono sicura che Dio senta meglio il cuore che la testa”.

La Salemi racconta poi un momento preciso della sua vita in cui ha avvertito maggiormente l'intervento di Dio: “Mentre mia madre aspettava me, la mia sorellina di cinque anni è stata colpita da una forma di leucemia fulminante e in pochi mesi ci ha lasciati”.

“Nonostante questo periodo buio – ha ricordato la cantante siciliana –, mamma ha deciso di proseguire la gravidanza e di dedicarsi con letizia e amore a quel pargoletto che stava per nascere. Un atto d'amore in cui il Signore ha voluto forse lenire un po' quel grande dolore, regalando gioia per una nuova vita che nasce. Talvolta nella croce può arrivare anche la consolazione”.

Tags:
famigliafedemusicatestimonianze di vita e di fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Semplici scatti
Puoi chiamarle coincidenze ma sono carezze di...
Gelsomino Del Guercio
Etiopia, strage di cristiani nel Tigrai: dife...
SALVE REGINA
José Miguel Carrera
Un Salve Regina come non lo avete mai visto
Silvia Lucchetti
Silvia e Andrea: il nostro matrimonio stava c...
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo sp...
FRA BENIGNO ESORCISTA
Chiara Ippolito
Il più commovente caso di liberazione: quando...
COVID
Gelsomino Del Guercio
Il prete: benedivo senza olio i malati gravi,...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni