Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 01 Dicembre |
Sant'Andrea
home iconStile di vita
line break icon

L'intervista formato Bergoglio? Un genuino colloquio a tu per tu

© CCP

Papa Francisco saluda a los fieles

Vinonuovo.it - pubblicato il 03/10/13

Qualche riflessione sulla modalità giornalistica dei due dialoghi con Spadaro e Scalfari: la forza della relazione a tu per tu

di Diego Andreatta

Anche l’intervista del Papa a Eugenio Scalfari è un seme finito in terreni vari, secondo la parabola (vedi il post del 21 settembre) di Joanne McPortland. C’è chi vi ha colto un Bergoglio che si presenta "non più come monarca, ma come cristiano e come vescovo", chi ha sottolineato l’accento sui "Capi della Chiesa narcisi, lusingati e malamente eccitati dai loro cortigiani", chi la promessa di voler "approfondire il ruolo delle donne nella Chiesa". 

Una lettura a freddo si potrebbe soffermare anche sulla tecnica (inusuale per un pontefice) dell’intervista-fiume a tutto campo. Che il  Papa ha accettato per la seconda volta, nonostante egli abbia sempre ritenuto di avere "grande difficoltà a rilasciare interviste" – come aveva confidato proprio a padre Spadaro – "perché preferisce pensare più che dare risposte di getto in interviste sul momento". "Sente infatti che le risposte giuste gli vengono dopo aver dato la prima risposta", osservava poi lo stesso intervistatore, aggiungendo anche che "Papa Francesco è abituato più alla conversazione che alla lezione".

Alla luce di questa interpretazione soggettiva, questi testi – peraltro così diversi nelle finalità, nella destinazione editoriale e nella genesi – presentano varie analogie e costituiscono (sia nella conduzione che nella resa scritta) un’intervista sui generis, tanto che qualcuno ha voluto già chiamarla "formato Bergoglio".

Davanti allo stile diretto e disarmante dell’intervistato, l’intervistatore depone le armi classiche della tradizionale schermaglia – a domanda (insidiosa) risponde –  e preferisce suscitare e raccogliere "quel flusso vulcanico di idee che si annodano tra loro", per usare le parole di Spadaro.

Al termine della distesa lettura, come davanti ad una sequenza al rallentatore, prima ancora che il contenuto delle risposte, colpiscono la modalità e il contesto di questa comunicazione faccia a faccia: l’atmosfera empatica, l’ascolto rispettoso dell’altro ma anche i necessari "distinguo", l’andamento coerente dei ragionamenti, vivacizzato dai cambi di ritmo propri della chiacchierata e del confronto aperto.

Anche se avviene davanti ad un registratore, più che un’ intervista appare ai lettori come un genuino colloquio a tu per tu. Non "ristretto" al botta e risposta di certe sintesi a cui siamo abituati dal battutismo del politichese. Ma nemmeno troppo "allungato" in domande studiate e risposte fin troppo dosate come avviene nei dialoghi pensati per finire, a capitoli, in un libro.

L’intervista "formato Bergoglio" avvince anche chi non segue i temi religiosi perché ci fa spettatori (quasi partecipanti) di una relazione interpersonale, fondata sulla stima, sull’ascolto e una schietta cordialità. Nel caso di Spadaro c’è pure la fiducia verso il confratello gesuita, nei confronti di Scalfari l’attenzione esemplare per il non credente ("non anticlericale"). Forse per questo in ambedue i racconti dell’incontro con Papa Francesco assumono spontaneamente rilievo alcuni semplici dettagli rivelatori prima dell’intervista (come la telefonata personale per prendere l’appuntamento con Scalfari), durante la conversazione e al termine, con il congedo che promette ulteriori "visitazioni". Non sono parole del magistero ufficiale, quelle affidate ad un microfono, eppure queste due interviste ci insegnano una modalità di "a tu per tu" che – anche nella civiltà tecnologica – conserva la forza perenne di ogni "visitazione". 

Tags:
antonio spadaroeugenio scalfaripapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
LOURDES
Il Cattolico
Novena preparatoria all'Immacolata Concezione...
ANGEL
Philip Kosloski
A cosa assomigliano i nostri angeli custodi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni