Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 01 Agosto |
Sant'Ignazio di Loyola
home iconChiesa
line break icon

L’evangelizzazione distingue la Chiesa dalle ong

© MASSIMILIANO MIGLIORATO/CPP

Mons. Fisichella.

Chiara Santomiero - pubblicato il 27/09/13

Fisichella: i cristiani devono ravvivare il dono della fede contro l'indifferenza

Più di cento delegazioni provenienti da 50 diversi Paesi del mondo e 1600 partecipanti tra vescovi, sacerdoti, religiosi e tanti laici: sono i numeri del Congresso internazionale di catechesi che si è svolto in Vaticano nell’aula Paolo VI sul tema "Il catechista testimone della fede". Aleteia ne ha parlato con mons. Rino Fisichella, presidente del Pontificio Consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione e promotore dell’evento, il quale ha colto l’occasione per ringraziare il nostro network per il lavoro che svolge.

Nell’introduzione ai lavori del congresso lei ha detto che l’evangelizzazione non è un compito qualsiasi per la Chiesa: cosa intende?

Fisichella: L’evangelizzazione è la missione che la Chiesa possiede, è la natura stessa della Chiesa. Se non fosse così noi saremmo, come dice spesso Papa Francesco, una ong più o meno organizzata, capace di fare anche tante opere di solidarietà, ma non sarebbe la Chiesa di Gesù Cristo. Gesù ha voluto la sua Chiesa perchè a tutti gli uomini, a ogni uomo, a ogni donna nel mondo, senza conoscere confini, senza stancarci, senza conoscere termine del giorno, noi potessimo portare il suo Vangelo. Ecco perchè, in ogni caso, questa non è una delle tante iniziative che noi abbiamo ma è la missione e la natura stessa della Chiesa. Penso di poter dire con estrema drasticità, ma anche con onestà: se non c’è evangelizzazione, non c’è la Chiesa.

Qual è il rapporto tra nuova evangelizzazione e catechesi?

Fisichella: E’ un tema che dobbiano studiare anche se abbiamo già degli elementi. La nuova evangelizzazione porta con sè l’esigenza di far comprendere innanzitutto ai cristiani il ruolo che hanno in questo momento storico e quindi devono ravvivare la loro fede: dobbiamo essere capaci di parlare ancora e di annunciare Gesù Cristo anche con la nostra testimonianza di vita a quanti vivono in paesi di antica tradizione cristiana ma vivono l’indifferenza, non conoscono più i contenuti fondamentali della fede e sembra che Gesù non abbia influenza, come neppure la fede, l’esigenza di credere. La catechesi ha bisogno di inserirsi all’interno di questo contesto e di questo processo che la chiesa vede davanti a sè per i prossimi decenni.

Cosa accomuna espressioni diverse di Chiesa qui presenti, quelle magari un pò stanche dei paesi di antica cristianità e quelle che vivono situazioni di minoranza in altri contesti culturali?

Fisichella: Innanzitutto ci accomuna il fatto che siamo tutti cristiani, battezzati, desiderosi di comunicare la gioia della nostra fede, anche se la viviamo in contesti culturali differenti. Le difficoltà di un Paese possono essere sostenute da un altro, la ricchezza di uno viene partecipata anche dall’altro. Io credo che questa sia la forma importante che dobbiamo assumere: nella catechesi noi abbiamo una ricchezza di esperienze. C’è una catechesi che non è soltanto limitata al momento della ricezione dei sacramenti della comunione o della cresima, ma presenta tante testimonianze nel mondo di altri percorsi. Penso per esempio al Cile e alla capacità di avere una penetrazione molto forte riguardo alla catechesi familiare. Abbiamo in altri paesi l’esperienza del catecumenato che si rivolge soprattutto agli adulti per riportarli all’annuncio della fede, abbiamo anche possibilità di catechesi chiamate "permanenti". Con questo ventaglio di esperienze io credo che la ricchezza dell’uno e il desiderio degli altri ci possano portare a incontrare una possibilità d’impegno non secondario.

L’anno della fede trae spunto anche dal ventesimo anniversario della pubblicazione del Catechismo della Chiesa cattolica: quale bilancio si può fare di questo periodo?

  • 1
  • 2
Tags:
anno della fedecatechismonuova evangelizzazionepapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
2
Gelsomino Del Guercio
Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i pre...
3
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
BENEDYKT XVI O KAPŁAŃSTWIE
Gelsomino Del Guercio
Nella Chiesa “separare i fedeli dagli infedeli”. La stoccata di B...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni