Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Enea, l’autismo e il sesso: un viaggio “iniziatico” attraverso l’Europa

@DR
Condividi

"The special need" racconta il viaggio di tre ragazzi in giro per il vecchio continente per far vivere ad uno di loro, autistico, la sua prima esperienza sessuale

Enea ha 29 anni, è alto 1 metro e 78 ed è autistico. Non ha mai avuto un rapporto sessuale, nonostante ne senta il desiderio e ne abbia le piene capacità. Dal momento che il suo paese, l’Italia, non offre alcuna soluzione legale al suo desiderio, Enea s’imbarca in un viaggio in Europa con i sui amici Carlo ed Alex, alla ricerca di un modo per avere un rapporto sessuale alla luce del sole e di una chiave per esplorare i suoi sentimenti e i suoi desideri. Questo viaggio, a bordo di un fiammante furgone Volkswagen, è raccontato da “The Special Need”, un vero e proprio road movie sentimentale, attraverso il vecchio continente.

I tre amici entrano in contatto con associazioni di volontariato sessuale svedesi, incontrano un gruppo di assistenti sessuali svizzere ed entrano in un bordello tedesco specializzato in clientela disabile. Qui Enea troverà alcune risposte alle sue domande. Quella che doveva essere una spedizione a scopo “sessuale” si trasforma in un vero è proprio viaggio per cambiare le cose.

The special need è un documentario di Carlo Zoratti e Cosimo Bizzarri (DatailFilm/Film-On). Il progetto video e web punta ad aprire un dibattito tra famiglie, operatori e policy makers sulle possibili soluzioni al problema diffuso della sessualità nei soggetti disabili. “In Italia non solo non si fa nulla per trovare una soluzione ai bisogni sessuali dei disabili – dicono i promotori. – Ma si preferisce non parlarne nemmeno, lasciando le famiglie da sole a confrontarsi con un tema difficile e spesso doloroso. Discuterne liberamente è il primo passo per cambiare le cose”.  Info: http://www.thespecialneed.com.

© Copyright Redattore Sociale

—-
Per approfondire il tema su come educare le persone con disabilità alla corretta sessualità, si legga l’intervista ad Aleteia della prof.ssa Claudia Giorgini, docente di “Metodologia Catechetica: persone diversamente abili" presso il Pontificio Ateneo Salesiano: http://www.aleteia.org/it/educazione/interviste/disabilita-sessualita-un-tabu-o-una-occasione-per-ripensare-affettivita-1341001

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni