Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Le mamme: avere una sola faccia e giocarsela sempre

@DR
Condividi

Sono le madri dei delinquenti, degli assassini, dei briganti, dei pedofili, degli infami

Il loro volto è dappertutto: nelle sale parto delle maternità come nelle squattrinate strade della perdizione; nelle cerimonie dei giorni di festa e nelle nenie malinconiche dei giorni del lutto; davanti alle stanze nuziali come in fronte alle sbarre delle patrie galere. Quella delle mamme è una presenza imbarazzante: prestano il loro grembo per far nascere la vita, coprono gli spazi che gli uomini abbandonano, si vestono di luce per illuminare le tenebre: sanno reggere quando tutt'intorno la terra trema. La loro è una forza misteriosa, inenarrabile, quasi divina: ci vuol fegato per strappare la vita alle fauci tremende delle tante morti che quotidianamente l'attanagliano. Eppure loro non mollano mai: bussano, ricominciano, insistono, si sgolano, cercano a tentoni e bisbigliano fin quasi a perdere la voce e prosciugare le lacrime. Hanno fascino e avvenenza, gaudio e spensieratezza, giovialità ed entusiasmo da vendere. Ma hanno pochissima memoria: dimenticano facilmente, sopratutto i lutti e le cadute dei loro amori. Un “difetto di fabbrica” che è rimasto il loro marchio più rassicurante: dimenticando facilmente, altrettanto facilmente ricominciano daccapo. Come delle amanti smemorate e delle seduttrici incallite.

Questa settimana avrei voluto essere mamma per assaporare le dolci parole di un Papa sorprendente. Le ha tirate fuori dal dimenticatoio della storia, ne ha tessuto dolci parole, le ha portate al centro. E dopo averne contemplato la radiosità dello sguardo, si è lasciato andare a celebrare la loro faccia: “essere mamma – ha detto mercoledì scorso Francesco – significa metterci la faccia per i propri figli”. E poi è andato a cercare sopratutto loro, quelle povere donne accovacciate davanti alle sbarre delle carceri cantandone l'azzardo della loro presenza: “penso alle mamme che soffrono per i figli in carcere o in situazioni difficili: non si domandano se siano colpevoli o no, continuano ad amarli e spesso subiscono umiliazioni, ma non hanno paura, non smettono di donarsi”. Ci vuol fegato per essere madre ma ci vuole anche tanto fegato per parlare da Papa proprio di quelle donne e additarle come esempio. Tra le vie del paese spesso non sono più solo mamme ma le conoscono come le “mamme del delinquente, dell'assassino, del brigante, del pedofilo, dell'infame”. Le si vorrebbero vestite col lutto della vergogna, rattrappite nel dormitorio pubblico della civiltà, nascoste alla festa del mondo. Invece loro ripartono ogni prima mattina: le vedi barcollanti e appesantite, cariche di anni e pesanti di pensieri, lo sguardo assonnato e le gambe gonfie. Eppure la faccia è sempre la stessa: quella di quel lontano giorno in cui il primo vagito ha riempito d'allegrezza le loro stanze di casa. La loro faccia è uno dei volti più radiosi dell'amore di Dio.

Nella Bibbia le donne ci sono dappertutto, dalla Genesi all'Apocalisse. Nella vita di Cristo regnano ovunque: da Nazareth al Golgota, fino al sepolcro trovato vuoto in quel primo mattino ebraico. Ci sono, ieri come oggi: cambiano gli accenti, mutano i lineamenti, s'alternano le mode del vestire ma la loro faccia rimane sempre a disposizione. Di quei figli, sopratutto, che quella faccia l'hanno tradita, beffeggiata e magari disprezzata ad oltranza. Nulla le può fermare, nemmeno i gesti folli dell'umana disperazione: sono mamme e questo basta loro per ricordarsi che la loro semplice presenza è apportatrice di speranza e di luce. Francesco, anche da Papa, le guarda e sogna una Chiesa così, che sappia metterci la faccia per i figli più discoli. Io, che non sono Papa, ogni mattina guardo quelle mamme appostate fuori dal carcere. Le guardo e di quella faccia avverto gelosia: perchè ci sono giorni della mia vita nei quali “metterci la faccia” è impresa azzardata. Per loro, invece, è ordinaria amministrazione. Chapeau, mamme.

(da Il Mattino di Padova, 22 settembre 2013)

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.