Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 29 Novembre |
Santa Caterina Labouré
home iconNews
line break icon

Kenya: John Anthony Kaiser, il sacerdote (assassinato) degli ultimi

@DR

Davide Maggiore - pubblicato il 17/09/13

Missionario della Società di Mill Hill, difese i contadini dagli abusi del potere, in nome del Vangelo: fu un “pastore con l’odore delle pecore”

P { margin-bottom: 0.21cm; }

C’è una croce, lungo la strada che da Naivasha va a Nakuru, nell’ovest del Kenya. Intorno, acacie rosse e, al pascolo, mandrie di mucche e gruppi di gazzelle. Segno che la terra è buona, come quella tolta ai contadini tra cui svolgeva la sua missione padre John Anthony Kaiser, sacerdote statunitense della Società di Mill Hill. La croce lungo la strada è per lui, che si fece difensore di chi non aveva più nulla.

Il suo corpo fu trovato la mattina del 24 agosto 2000: le autorità parlarono di suicidio, così come gli investigatori dell’FBI arrivati appositamente dagli Stati Uniti. Ma le indagini furono da subito criticate, ed emersero dubbi: secondo la ricostruzione ufficiale il missionario si sarebbe ucciso con il fucile che – da appassionato cacciatore – portava spesso con sé. E tuttavia, l’arma fu ritrovata a una certa distanza e il sacerdote sembrava essere stato giustiziato con un colpo alla nuca.

A smentire indirettamente l’ipotesi del suicidio, poi, c’erano le parole scritte qualche tempo prima dallo stesso religioso: “Voglio che tutti sappiano, se io dovessi scomparire – perché la savana è vasta, e molte le iene – che non sto organizzando nessun incidente o, Dio non voglia, auto-distruzione. Invece, confido in un buon angelo custode e nell’azione della grazia”. Nel testo, padre Kaiser alludeva anche alle minacce ricevute da un funzionario, il provincial commissioner della Rift Valley; ma con le autorità si era scontrato già nel 1994, da cappellano del campo di rifugiati di Maela. Circa ottomila profughi lo abitavano: avevano dovuto abbandonare i loro villaggi a causa di scontri tra comunità rivali.

Dietro queste lotte, il religioso vide l’ombra degli interessi di potenti locali, e del land grabbing, quell’accaparramento di terre che, fin da prima dell’indipendenza, era uno dei grandi problemi del Kenya. Padre Kaiser non esitò a denunciarlo, chiamando in causa politici del luogo, ministri e persino il presidente kenyano Daniel Toroitich arap Moi, in carica dal 1978 e che avrebbe lasciato il potere solo nel 2002.

Il sacerdote rimase inascoltato nella sua richiesta di giustizia per gli ex agricoltori di Maela, e il campo stesso fu sgomberato con la forza alla viglia di Natale del 1994. Arrestato, poi scarcerato, infine minacciato di espulsione nel 1999, il missionario non smise di portare aiuto a tutti coloro che denunciavano la violazione dei propri diritti, fino al giorno dell’omicidio. Solo nel 2007 – grazie agli sforzi fatti dalla conferenza episcopale per riaprire l’inchiesta – emerse la verità, ma senza che fosse possibile risalire agli esecutori o ai mandanti.

Mons. Giovanni Tonucci, oggi arcivescovo prelato di Loreto, in quegli anni era nunzio apostolico in Kenya, e ricorda: “Incontrai p. Kaiser a Nairobi, due giorni prima che morisse; non mi apparve un lottatore, ma una persona mite, devota, con un cuore – direi – di fanciullo”. Di sé “diceva ‘io sono un Kisii’, la popolazione con cui lavorò più a lungo – continua il presule – e si identificò con le esigenze di questo suo popolo”. Un comportamento che non può che richiamare alla mente le parole, recenti, di papa Francesco sulla necessità che i pastori abbiano “l’odore delle proprie pecore”.

Pastore, padre Kaiser lo fu pienamente: la difesa dei diritti umani, spiega ad Aleteia mons. Tonucci “era parte della sua missione; in quanto uomo del Vangelo ha vissuto la sua missione e in quanto sacerdote e missionario ha incontrato anche la morte”. Attraverso questa, prosegue l’arcivescovo, ha testimoniato “la necessità della giustizia” e della conversione “a una visione completa del Vangelo, che non può lasciare da parte anche l’aspetto della giustizia sociale”. Il Kenya, è la conclusione, “gli deve molto”.

A quasi quindici anni dalla scomparsa di p. Kaiser, la questione terriera nel Paese resta però in gran parte irrisolta. “Il fallimento del governo coloniale e di quelli successivi all’indipendenza nell’affrontare il problema dei senza terra è la ragione per cui individui e comunità ricorrono spesso […] alla violenza”, si legge nel rapporto della commissione statale su Giustizia, Verità e Riconciliazione pubblicato negli scorsi mesi. E significativa è anche l’ammissione finale, secondo cui le norme attuali rappresentano “una base concreta per affrontare le ingiustizie legate alla terra” ma “solo se vi sarà la volontà politica”.

Tags:
mondo missionario
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
MEDALLA MILAGROSA
Corazones.org
Pregate oggi la Madonna della Medaglia Miraco...
FIRST CENTURY HOUSE AT THE SISTERS OF NAZARETH SITE
John Burger
Archeologo britannico pensa di aver trovato l...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
CHRISTMAS MASS
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale anticipata: dopo il governo, ...
Pape François audience
Gelsomino Del Guercio
"Benedizione Urbi et Orbi del Papa". Attenti,...
Amy Brooks
5 ragioni per cui indosso la Medaglia Miracol...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni