Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Perché alcune Madonne vengono rappresentate con la pelle nera?

© DR
Condividi

Per il fumo delle candele o di incendi, l'adattamento a caratteri somatici non europei o come scelta stilistica e teologica

Le varie veggenti hanno sempre visto la Madonna di pelle bianca, ma alcune statue sono nere (per esempio a Tindari e Loreto). Perché?

Paola da Venezia

In tutto il mondo ci sono statue o immagini della Madonna con la pelle scura o addirittura nera. Sono famose le Madonne di Loreto, di Tindari e di Czestochowa. Sono varie le interpretazioni. In alcuni casi il colore del volto è stato alterato dal fumo delle candele o di incendi. In altri, le caratteristiche fanno capire che il colore scuro è dovuto a un adattamento ai caratteri somatici di popolazioni non europee. In altri casi, ancora, la carnagione ocra, più o meno scura delle icone bizantine, molto diffuse nell'Italia Meridionale, è dovuta a una scelta stilistica e teologica che è quella di non rappresentare i personaggi sacri come corpi naturali, ma come evocazioni spirituali. Non si deve trascurare il fenomeno che la finitura in foglia di argento con il tempo si è ossidata lasciando la superficie completamente nera. E' certo che la diffusione di immagini nere in Occidente è molto antica e spesso è associata ai legami con l'Oriente.

Le veggenti sono state sempre affascinante dalla bellezza e dalla luminosità della Vergine nelle varie apparizioni, ma si sono sentite coinvolte nell'accogliere e nel trasmettere il messaggio che veniva loro affidato. E' sempre il messaggio che una madre affida ai suoi figli. Un messaggio che parte dal cuore e il cuore della mamma non ha colore. In questo “mondo in subbuglio”, incapace di poter offrire luce e speranza, rimane solo il volto della madre che illumina il cammino, ci calma e ci rasserena. E' certo che la Vergine Santa rimane sempre la Madre di noi tutti perché è Madre della Chiesa. Siamo noi che dobbiamo rivolgerci a lei, e in lei incontreremo uno “sguardo intenso e premuroso che ti chiede di affidare la tua vita e il tuo mondo in mano a lei”.

——–
Invia il tuo interrogativo, scrivendo una email a padreantonio@asuaimmaginesettimanale.it oppure spedendo una lettera all'indirizzo A Sua Immagine, Borgo Sant'Angelo 23, 00193 Roma. La risposta arriverà dal silenzio e dalla spiritualità del Monastero di San Benedetto di Subiaco. Padre Antonio offrirà una chiave per trovare un senso alle questioni poste, accompagnando il cammino di credenti e non credenti.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni