Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 17 Settembre |
Roberto Bellarmino
home iconArte e Viaggi
line break icon

Gesù Cristo 2.0. Il cristianesimo qui e ora

@Edizione San Paolo

Aleteia - pubblicato il 11/09/13

In piena era digitale, in un territorio così convulso senza mappe e topografie, la spiritualità centrata nel Cristo è una scommessa del futuro

“Gesù Cristo 2.0” è un libro molto personale. Non è un trattato di teologia, né una confessione filosofica. Non ha queste pretese. Non è, altresì, una analisi antropologica delle religioni, né un saggio sulla situazione del cristianesimo  nella nostra cultura. È una presentazione molto particolare, quasi intima, una sorta di dichiarazione, di libera divagazione. Esprimo quel che credo, la fede che permea il mio essere, le fonti che nutrono la mia vita spirituale. Tento anche di dare ragione su ciò che credo, consapevole che lo sforzo del ragionamento non si ferma mai lungo il corso della vita.

Non pretendo di piantare la mia particolare bancarella nel grande supermercato delle religioni, né vendere un prodotto prefabbricato ad uso e consumo di tutti, ma piuttosto esporre le ragioni di una opzione spirituale che ha, come centro di gravità, il dialogo intimo, personale e intrasferibile con il Cristo, con il Maestro interiore, nelle parole di Sant’Agostino.

Nella nostra città postmoderna coesistono convinzioni religiose e spirituali di natura molto diversa. Questa situazione spirituale è frutto di questa esplosione di libertà, una scalata evidente nelle piazze, nelle strade, al mercato, e che, lungi dall’intimorirci dovrebbe essere motivo di festa e di gioia. Con tutto ciò, questo ribollire di libertà dopo decenni di contestazione, presenta nuove sfide, tra le quali la capacità di vivere armoniosamente con quel che è diverso.

Emerge, sorprendentemente, un interesse per la vita spirituale, per la spiritualità in senso lato. Questa irruzione può essere interpretata come una effervescenza post-materialista, come una sorta di reazione a un mondo saturo di utilitarismo, di individualismo e di economicismo, però, può essere letto anche come l’inizio di una vera rivoluzione della mentalità occidentale, come la nascita di una nuova coscienza che cambierà dalla radice la nostra civiltà e il sistema di vita, di produzione e di consumo che hanno segnato il ritmo della nostra società  negli ultimi due secoli.

E’ difficile, al momento, pronunciarsi sulla portata, la grandezza e la trascendenza di questo fenomeno emergente. La spiritualità che rinasce dalle ceneri della civiltà delle frustrazioni e della infelicità che abbiamo costruito non è concepita necessariamente come una vitalità legata all’ambito religioso. Tampoco vi si oppone, necessariamente, però si legge e si interpreta in modo autonomo e indipendente dalle tradizioni religiose millenarie. Si valorizza, sempre più, l’esperienza spirituale, talvolta come una reazione logica  ad un mondo materialista  individualista e consumista, che soprattutto genera infelicità e frustrazione.

Tutti sperimentiamo credenze. La credenza non è patrimonio di un insieme disseminato di esseri umani che chiamiamo“credenti”. La dicotomia tra credenti e non credenti mi è sembrata sempre una triste semplificazione. Anche in questo campo, le apparenze ingannano. Tra gli atei vi sono grandi credenti, e, tra i credenti grandi atei.

Alcuni dei più celebri atei della storia credono in un paradiso in Terra, in una giustizia universale, in una Itaca della storia. Altri credono nella uguaglianza tra uomo e donna, e alcuni lottano per la difesa dei diritti degli animali. La credenza non è irrilevante nel movimento della persona e dei popoli. E’ spinta, forza trasformatrice, impulso utopico. Colui che crede si muove verso ciò che non possiede, e questo muoversi lo trasforma.

Tra i presunti credenti vi sono anche molti miscredenti. La credenza per inerzia è una sorta di installazione di comodo che non sottopone a riflessione il contenuto di ciò in cui si crede. Tutti, poco o molto, crediamo in qualche realtà, speriamo in qualcosa, poniamo fiducia in qualcuno. Confidare è scommettere, mettere cuore e mente in un progetto, senza garanzie che andrà in porto.

  • 1
  • 2
Tags:
cristianesimogesù cristointernet

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
EUCHARIST
Philip Kosloski
Preghiere da recitare all’elevazione dell’Ostia a Messa
7
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni