Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 16 Ottobre |
Santa Margheria-Maria Alacoque
Aleteia logo
home iconChiesa
line break icon

Papa Francesco: “Il Signore ha un progetto per tutti”

© Alessia Giuliani

Radio Vaticana - pubblicato il 05/09/13

Nell'omelia di Santa Marta di oggi il tema della missione. Farsi discepoli per un progetto di vita, questo l'invito di Cristo

di Alessandro De Carolis

Quando viene il Signore “ho paura che passi e non me ne accorga”. Con questa citazione di Sant’Agostino, Papa Francesco ha iniziato l’omelia della Messa di questa mattina presieduta a Casa Santa Marta. Il Papa ha riflettuto sui modi ricorrenti in cui Cristo si manifesta nella vita di un cristiano, offrendo sostegno e affidando a ciascuno un compito. 

Una promessa che conforta, una richiesta di generosità, una missione da compiere. Così Gesù si rende presente nella vita di un cristiano. Non deroga mai da questa triplice modalità. Papa Francesco lo ha affermato ricordando l’episodio del Vangelo di oggi, quando Cristo si mostra a Pietro, Giacomo e Giovanni con il segno della pesca miracolosa. Anzitutto, Gesù rassicura Pietro, rimasto sconvolto da quel segno, promettendogli di farlo “pescatore di uomini”. Poi, lo invita a lasciare tutto per seguirlo, quindi gli affida una missione. Nel caso degli Apostoli, ha osservato Papa Francesco, “il Signore è passato nella loro vita con un miracolo”. “Non sempre – ha proseguito – passa davanti o dentro di noi con un miracolo”, eppure “sempre si fa sentire”:
“Sempre il Signore quando viene nella nostra vita, quando passa nel nostro cuore, ti dice una parola, ci dice una parola e anche questa promessa: ‘Vai avanti … coraggio, non temere, perché tu farai questo!’. E’ un invito alla missione, un invito a seguire Lui. E quando sentiamo questo secondo momento, vediamo che c’è qualcosa nella nostra vita che non va, che dobbiamo correggere e la lasciamo, con generosità. O anche c’è nella nostra vita qualcosa di buono, ma il Signore ci ispira a lasciarla, per seguirlo più da vicino, com’è successo qui: questi hanno lasciato tutto, dice il Vangelo. ‘E tirate le barche a terra, lasciarono tutto: barche, reti, tutto! E lo seguirono’”.
Tuttavia, ha assicurato Papa Francesco, Gesù non chiede di lasciare tutto per un fine che resta oscuro a chi ha scelto di seguirlo. Al contrario, l’obiettivo è subito dichiarato ed è un obiettivo dinamico: “Gesù mai dice ‘Segui me!’, senza dire la missione. No! ‘Segui me ed io ti farò questo’. ‘Segui me, per questo'. ‘Se tu vuoi essere perfetto, lascia e segui per essere perfetto’. Sempre la missione. Noi andiamo sulla strada di Gesù per fare qualcosa. Non è uno spettacolo andare sulla strada di Gesù. Andiamo dietro di Lui, per fare qualcosa: è la missione”.
Promessa, richiesta, missione. Questi tre momenti, ha sostenuto alla fine Papa Francesco, non hanno a che fare solo con la vita attiva, ma anche con la preghiera. Intanto, ha affermato, “una preghiera senza una parola di Gesù e senza fiducia, senza promessa, non è una buona preghiera”. Secondo, è buono chiedere a Cristo di essere pronti a lasciare qualcosa e questo predispone al terzo momento, perché non c’è preghiera in cui Gesù non ispiri “qualcosa da fare”:
“E’ una vera preghiera cristiana sentire il Signore con la sua Parola di conforto, di pace e di promessa; avere il coraggio di spogliarci di qualcosa che ci impedisce di andare in fretta nel seguirlo e prendere la missione. Quello non vuol dire che poi non ci siano tentazioni. Ce ne saranno tante! Ma, guarda, Pietro ha peccato gravemente, rinnegando Gesù, ma poi il Signore lo ha perdonato. Giacomo e Giovanni … hanno peccato di carrierismo, volendo andare più in alto, ma il Signore li ha perdonati”.
Tags:
omelia santa martapapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
2
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
3
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
CARLO ACUTIS
Silvia Lucchetti
“I primi miracoli mio figlio li fece il giorno del funerale”
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
BERGOGLIO
Gelsomino Del Guercio
“Se non mi sposo con te, mi faccio prete”. Così parlò il futuro P...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni