Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconApprofondimenti
line break icon

Don Minzoni, il martire per la libertà di educare ucciso dai fascisti

@DR

Vinonuovo.it - pubblicato il 27/08/13

A 90 anni di distanza una ferita storica mai sanata: la collusione di alcuni esponenti delle gerarchie ecclesiastiche con il nascente fascismo

di Maria Teresa Pontara Pederiva

Quando si dice la memoria. Sì, non mi è proprio venuto in mente che il 23 agosto era il 90° anniversario dell'assassinio di don Giovanni Minzoni. Non sono uno storico, non affronto la storia di mestiere. Eppure avrei dovuto ricordarlo, e mi dispiace sinceramente di non averlo fatto. Perché di don Minzoni ne ho sentito parlare fin da piccola. Perché la mia nonna emiliana in quegli anni era maestra proprio ad Argenta e con don Giovanni aveva lavorato, e condiviso tante vicende.

I ricordi sbiadiscono, è vero, la nonna è morta ancora nel 1975, tuttavia non riesco proprio a capacitami di come sia stato rievocato in questi giorni.

Solo un breve flash sulla figura di questo prete che il sito "Santi e beati" non esita a chiamare "sacerdote e martire": nato a Ravenna nel 1885, una volta prete è destinato alla parrocchia di Argenta (diocesi di Ravenna, ma provincia di Ferrara), da cui si allontana per gli studi a Bergamo prima e come cappellano militare durante la Grande Guerra poi (fu anche medaglia d'argento). Terminato il conflitto ritorna alla sua sede, dove non accetterà mai di piegarsi alle pressioni del fascismo in ascesa, anima diverse attività che danno fastidio in alto fino alla sera del 23 agosto 1923 quando, rientrando in canonica, viene assassinato a colpi di bastone da una delle tante squadracce dalle camicie nere. Mandante riconosciuto Italo Balbo, nativo della campagna ferrarese e poi gerarca.

La storia che ho ascoltato fin da piccola – quando al cimitero mi incuteva timore quel monumento a Balbo con tanto di aeroplano… – parlava solo di buoni e cattivi, quasi come nelle fiabe, ma la serietà della nonna mi aveva subito fatto intendere che non lo era affatto. Sentivo raccontare di un prete – un arciprete – pieno di fede e di coraggio, uno che aiutava la povera gente allora in quelle terre praticamente solo contadina, uno che si era indignato per l'assassinio del sindaco (socialista), uno che "voleva bene ai bambini", a quei bambini cui la nonna faceva scuola al mattino e che al pomeriggio si riunivano all'oratorio con don Giovanni che per loro aveva pure aperto una sezione scout (ma che qualcun altro voleva esclusivamente balilla).

Lei, impegnata già allora nel gruppo donne di quella che diventerà l'Azione cattolica, interessata da sempre alla politica – la genetica non si può eludere – discuteva con lui e le sue colleghe delle vicende di don Sturzo, allora in difficoltà evidente e soprattutto di quella democrazia che stava per affondare definitivamente in un Paese che avrebbe invece dovuto risollevarsi dalla Guerra.

"Il suo stare con il popolo includeva il rigetto di ogni intolleranza", ha scritto Domenico Rosati il giorno dell'anniversario su un quotidiano laico. Una sintesi che la nonna avrebbe condiviso perché la ricordo indignata – allora ero alunna delle medie – per gli assassini di Bob Kennedy e Martin Luther King. "Il razzismo è una brutta pianta difficile da sradicare anche da noi, mi aveva detto, un po' come il fascismo e in Italia sotto sotto cova ancora un'anima". Era il 1968 e in centro città c'erano i cortei di Sociologia… allora non capivo … Ma la nonna parlava di tolleranza necessaria, di dialogo: "In politica uno può pensarla diversamente, ma non puoi mettergli il bavaglio, mandarlo in carcere, assassinarlo o anche solo considerarlo un avversario come in tempo di guerra". Era una buona sintesi da maestra ormai in pensione (dopo oltre 45 anni di servizio).

Quello che mi lascia allora sconcertata è perché da parte cattolica non si possa scrivere, almeno oggi, con chiarezza che le gerarchie ecclesiastiche l'avevano lasciato solo, perché – forse un esame di coscienza sarebbe il minimo – la collusione col fascismo era ormai pressoché totale. Perché un prete come don Giovanni dava solo fastidio: il classico ribelle che "se l'era cercata"? La nonna mi raccontava come si fosse lamentata per come era stato celebrato il funerale: lei, nipote dell'ultimo cardinale di Ferrara, non aveva timore a rivolgersi al clero. Ma non ebbe risposte convincenti.

Mi chiedo cosa ci voglia oggi a riconoscere – certo "storicamente" – gli errori di un cattolicesimo che è andato a braccetto ai regimi peggiori del Novecento o vogliamo sempre e solo "tacere e sopire"? Forse per ricascarci di nuovo?

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
fascismomartirio
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni