Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Papa Francesco: Dio ci «primerea» sempre

abouna.org
Condividi

La piccola rivoluzione linguistica di Bergoglio: prendere in prestito espressioni e parole comuni rivestendole di spessore teologico

di Jorge Milias

L'Osservatore Romano — nella traduzione dallo spagnolo di Mariana Gabriela Janún — ha anticipato un articolo che pubblicato mercoledì 21 agosto in rete sul sito di Alver Metalli «Terre d’America». 


* * *

La mentalità del porteño — dell’uomo che vive sul porto attorno al quale si è storicamente sviluppata Buenos Aires — è un po’ particolare. Espressione di una società cosmopolita plasmata dal commercio e dall’industria — a differenza degli argentini del resto del Paese dediti alla produzione di generi primari di massa — ha i suoi aspetti positivi e negativi. Fra i secondi l’idea dell’«io so tutto» mischiata a uno scarso senso della solidarietà, ha prodotto l’atteggiamento conseguente del «io per primo». Che si tratti di ottenere un biglietto per una partita di calcio o la titolarità di una cattedra universitaria, al di là delle capacità vere o presunte del pretendente, la cosa più importante era arrivare prima degli altri, essere il primo a ottenere, vincere o afferrare con un vero e proprio colpo di mano. L’idea, insomma, era primerear sempre e a ogni costo.

Primerear dunque, non è mai stato un neologismo virtuoso in quanto implicava “fregare” l’altro, prendere l’iniziativa per primo o prima che l’altro se ne renda conto. C’è un detto molto popolare nella zona del  Rio de la Plata (fiume su cui si affaccia la città e con il quale la si identifica molto spesso): «chi picchia per primo, picchia due volte». Questo termine, primerear, tuttora “selvatico”, cioè non addomesticato dai dizionari, s’intrufola anche oggi tra le righe dei giornali: leggendo una cronaca ci si può imbattere in una frase del tipo: «sentendosi offeso estrasse per primo [lo primereó con] il coltello».

Da tutto questo si deduce che primerear non è un’azione positiva, bensì tutto il contrario. O per lo meno così è stato prima di Papa Bergoglio. La gente delle villas — i quartieri più poveri e violenti di Buenos Aires — conosce perfettamente il significato e l’uso di questa parola. Per questo, quando si sono sentiti dire da un prete che «occorre primerear il peccato con la Grazia», hanno capito immediatamente. Lo hanno capito perché parlava il loro linguaggio, sapeva che loro dovevano primerear la droga, la mancanza di opportunità di lavoro, la marginalità, e non sempre ci riuscivano.

Il verbo esprime un’azione che non è diversa dalla vecchia lotta fra la virtù e il peccato. Torna l’idea della «Fede come militanza» basata sul concetto di lotta permanente tra il bene e il male. Che sia fra quelli che vanno a chiedere o a ringraziare san Cayetano (san Gaetano da Thiene, patrono in Argentina del pane e del lavoro, che ogni 7 agosto convoca migliaia di pellegrini poveri e disoccupati nella sua basilica) piuttosto che fra gli emarginati della villa chiamata soltanto coi numeri del catasto: 11-14 , oppure tra i dimenticati del Borda (il manicomio di Buenos Aires), il soldato Bergoglio della compagnia di sant’Ignazio li chiamava a lottare, a primerear il peccato, a «fregarlo», a «scavalcare» l’ingiustizia. E in tanti scoprivano nelle sue parole che avevano ancora qualcosa per cui lottare.

Ma l’espressione primerear Papa Francesco l’ha anche pronunciata davanti alla affollatissima vigilia di Pentecoste coi membri dei movimenti ecclesiali il 18 maggio. Questa volta però non si riferiva ai credenti ma a Dio stesso: «Ci diciamo che dobbiamo cercare Dio, ma quando noi andiamo verso di Lui, Lui ci sta già aspettando. Lui è già lì e, userò un’espressione che usiamo in Argentina: il Signor ci primerea, ci anticipa, ci sta aspettando: pecchi e lui ti sta aspettando per perdonarti. Lui ci aspetta per accoglierci, per darci il suo amore, e ogni volta la fede cresce. Qualcuno preferirebbe studiarla, è importante, ma quello che è più importante è l’incontro con Dio perché è Lui che ci da la fede».

Il Signore ci anticipa (ci primerea), di conseguenza noi, secondo Papa Francesco, dovremmo primerear la Grazia.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.