Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconApprofondimenti
line break icon

Su Berlusconi e i cattolici, più importante è capire che Italia si vuole

ALBERTO PIZZOLI

Vinonuovo.it - pubblicato il 09/08/13

Invece di fomentare scontri ideologici è necessario capire che tipo di società si vuole costruire nel nostro Paese

di Francesca Lozito

"E’ proprio da finale di carriera, accompagnarsi a donne di medesima statura" cantava Fossati ne La vita segreta, in Macramé, album del 1996 così poco considerato per le invettive sociali che conteneva.


Parafrasandolo, mi verrebbe da dire che è proprio da finale di carriera continuare a parlare di Berlusconi oggi, in questo agosto col Parlamento aperto almeno per tutta questa settimana e anche noi di vinonuovo non siamo da meno (sorriso).

Non sopporto questo bla bla bla mediatico, dai giornali alle televisioni ai social. Lo dico con la serenità d’animo di una che non lo ha mai votato. E non è mai stata sfiorata dall’idea di farlo.

Si sceglie da che parte stare. E chi a metà degli anni novanta votava per la prima volta non se lo può dimenticare che cosa volesse dire non stare da quella parte. Essere derisi da molti, e perché no, in molti contesti non fare carriera. Occorre dirlo.

Eppure, proprio con la serenità d’animo di chi non è mai stata da quella parte dico che i regolamenti di conti su chi anche dentro le gerarchie ecclesiastiche ha dato appoggi, ha cercato appoggi ha avuto appoggi da quella precisa parte politica non mi piacciono. Per nulla.

Mi sanno della follia di quei partigiani che fecero dei bei pasticci alla fine della resistenza. Mi sanno di livore.

Mi sanno, soprattutto, della volontà o dell’incapacità di non riuscire a guardare avanti rispetto a un mondo che ci chiede, anche nella Chiesa, di pensare al futuro con un altro sguardo. E si rischia di perderlo il treno se si guarda ancora al 2000 con le categorie del 1900.

Mettiamo da parte tutto questo oggi, sarà la storia a dirci molte cose.

Se avessimo dato ascolto a quei partigiani la guerra civile (quella vera, non quella di Bondi) sarebbe continuata per chissà quanto. Ma c’é stata la costituente, c’é stata la sintesi mirabile tra le diverse sensibilità politiche che ha portato a questo Paese la democrazia.

Lasciamo i processi sommari a quegli immarcescibili moralisti che credono di sapere da che parte stare, che hanno sempre la parola giusta, che civettano e cinguettano perché solo quello sanno fare.

Mi perdonino i due colleghi che qui su vinonuovo ne hanno parlato: non ce l’ho con loro. Solo che non sono d’accordo. Rispetto le loro ragioni ma non trovo opportuno parlarne ora.

Questa è un’Italia che ragiona troppo per schemi, categorizzazioni, corporazioni. Io provo a ragionare col Vangelo in mano, senza farne uno strumento. Chi sono io per giudicare mio fratello? E se il fratello ha giudicato e continua a giudicare me, pazienza.

Io, piuttosto, preferisco operare per il bene comune, cogliere quei semi di bene che stanno, spesso troppo nascosti, in molte e diverse parti politiche e sociali.

Dopo anni di martellamento sulla presenza dei cattolici in politica credo sia venuto il momento, anche alla luce della fine della presenza in politica di alcuni soggetti protagonisti degli ultimi 20 anni – perché a mio modesto parere quella di Berlusconi è una lunga uscita di scena con ormai le comparse al suo fianco e per questo va ignorata – di dirci che cosa vogliamo per questo Paese.

Seguire le mode del momento? Abbracciare anche noi il movimentismo sloow food e no tav? (molti dei passaggi dell’intervista discussa a De Gregori potrebbero essere applicati ai cattolici in politica tanto quanto il cantautore li applica alla sinistra)

Svendere i nostri valori in nome di una pax con una determinata parte politica che ci usa come specchietto per le allodole? (guarda come siamo bravi, abbiamo i cattolici dalla nostra parte! Questo vale a destra e sinistra)

Ma noi cattolici che cosa vogliamo per il Paese, oggi e domani? Ma soprattuto il domani di questo Paese riusciamo a vederlo?
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
berlusconicattolicesimopolitica
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni