Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Ottobre |
San Gaetano Errico
home iconChiesa
line break icon

Papa Francesco: uno stile che interroga

Chiara Santomiero - pubblicato il 08/08/13

Eugenio Scalfari: tre domande e una riflessione sulla Chiesa "povera" per Bergoglio

Il tratto umano e le scelte dai toni "feriali" di Papa Francesco ("normali, dobbiamo essere normali", ha detto ai giornalisti che lo hanno accompagnato a Rio de Janeiro per la Giornata mondiale della gioventù) interrogano, fin dal giorno della sua elezione, le coscienze e i cuori di credenti e non credenti. Così anche il fondatore del quotidiano La Repubblica, Eugenio Scalfari, per sua stessa definizione "non credente" e di "cultura illuminista" ma "da molti anni interessato e affascinato dalla predicazione di Gesù di Nazaret, figlio di Maria e Giuseppe, ebreo della stirpe di David", ha analizzato la figura di Bergoglio e la sua idea di Chiesa, ponendogli infine tre domande e proponendo una riflessione su Chiesa, carisma e potere destinata a far discutere.

"Se una persona non ha fede nè la cerca, ma commette quello che per la Chiesa è un peccato, sarà perdonato dal Dio cristiano?": questa la prima domanda che Scalfari ha rivolto a Papa Francesco dalle colonne di La Repubblica il 7 agosto. Seconda domanda: "il credente crede nella verità rivelata, il non credente pensa che non esista alcun assoluto e quindi neppure una verità assoluta, ma una serie di verità relative e soggettive. Questo modo di pensare per la Chiesa è un errore o un peccato?". E, infine, se, come ha detto il Papa nel suo viaggio in Brasile anche la specie umana come tutte le cose che hanno un inizio e una fine scomparirà, scomparirà con essa anche il pensiero di Dio perchè nessuno sarà più in grado di pensarlo?

Si tratta di domande rivolte non in veste di giornalista, ma, appunto di non credente, a un pontefice «buono come Papa Giovanni», che affascina la gente «come Wojtyla», è cresciuto tra i gesuiti e ha scelto di chiamarsi Francesco «perché vuole la Chiesa del poverello di Assisi». Un uomo «candido come una colomba ma furbo come una volpe», a cui tutti guardano ammirati e che piace moltissimo ai non credenti oltre che ai credenti.

Quello descritto da Scalfari, riassume ilsussidiario.net (7 agosto) è «un pontefice che vuole una Chiesa povera, militante e missionaria "costruita a somiglianza di un Dio misericordioso, che non giudica ma perdona"». Tuttavia la Chiesa è pur sempre un’istituzione. «Una struttura di servizio, secondo Francesco, che confligge – a detta di Scalfari – con quel che ha, invece, rappresentato per 2000 anni: ogni Papa ha sempre amato e usato il potere e "non c’è mai stata, se non nei casi di debolezza e di agitazione, una Chiesa orizzontale invece che verticale"» (ilsussidiario.net 7 agosto).

La Chiesa di Bergoglio è quindi una Chiesa povera, orizzontale – visione condivisa dal cardinale Martini di Milano che richiamava, accanto al magistero del papa, la collegialità dei Sinodi dei vescovi e delle conferenze episcopali – a cui si aggiunge, nel pensiero di Scalfari, anche una terza caratteristica: "un Dio che non giudica ma perdona".

E’ al concetto di Chiesa povera che si lega la riflessione di Scalfari: «Credo che il Papa, che predica la Chiesa povera – scrive il giornalista -, sia un miracolo che fa bene al mondo. Ma credo anche che non ci sarà un Francesco II. Una Chiesa povera, che bandisca il potere e smantelli gli strumenti di potere, diventerebbe irrilevante. È accaduto con Lutero ed oggi le sette luterane sono migliaia e continuano a moltiplicarsi. Non hanno impedito la laicizzazione anzi ne hanno favorito l’espansione. La Chiesa cattolica, piena di difetti e di peccati, ha resistito ed è anzi forte perché non ha rinunciato al potere».

Un giudizio netto che ha provocato reazioni dello stesso tenore, a cominciare da Paolo Naso coordinatore della commissione studi della Federazione delle chiese evangeliche in Italia di cui ilsismografo (8 agosto) anticipa l’editoriale del prossimo numero di NEV-notizie evangeliche: «Quella di Scalfari – scrive Naso che giudica "impronunciabile" la stessa espressione "sette luterane"- è affermazione che esprime perfettamente l’habitus intellettuale di gran parte della cultura “laica” italiana: una cultura che, proprio perché non conosce Lutero e tanto meno Calvino – se non per la mediazione che ne ha fatto la polemica cattolica anti protestante preconciliare – identifica la Chiesa cattolica con il cristianesimo, confonde il potere ecclesiastico con la missione evangelica, ignora che la laicità è compatibile con la fede e aborrisce una pratica cristiana costruita sulla responsabilità individuale del credente piuttosto che sul principio di autorità». La scarsa conoscenza dei fondamenti delle Chiese riformate provoca, secondo Naso, effetti profondi sulla cultura e sulla stessa società contemporanea: «non comprendere il ruolo della Riforma nella modernità significa non comprendere fino in fondo il portato della modernità, il nuovo orizzonte di libertà che essa ha aperto a chi crede, a chi non crede, a chi crede in termini non convenzionali. La debolezza radicale della cultura laica italiana è in questa aporia cognitiva che ha poche eccezioni. Lo stato dell’etica e della res publica italica dicono chiaramente quali ne siano gli effetti».

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
eugenio scalfaripapa francesco
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
VITIGUDINO
Gelsomino Del Guercio
Prima brillante medico, poi suora: la bella s...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni