Aleteia
mercoledì 21 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
Approfondimenti

La Chiesa non si senta assediata, il mondo la ascolterà meglio

©POOL-OR/CATHOLICPRESSPHOTO

Davide Maggiore - Vinonuovo.it - pubblicato il 07/08/13

Il Papa nel ritorno da Rio ha cercato un linguaggio di chiarezza e amicizia col mondo dei media, una occasione di dialogo


Come era prevedibile, il discorso del Papa sul volo di ritorno da Rio de Janeiro ha occupato spazi importanti sui media, non solo cattolici, e l'eco è arrivata anche sui social network. Due in particolare sono stati gli aspetti della questione che, dal mio limitato osservatorio (mentre scrivo sono ancora a qualche migliaio di chilometri dall'Italia), ho visto guadagnare spazio tra i miei amici in Rete.

Da un lato c'è chi considera esagerato definire 'rivoluzionarie' – come molti media generalisti hanno fatto – le frasi del papa, in particolare quelle sull'omosessualità, perché in realtà riflettono semplicemente (ed è innegabile) la dottrina cattolica codificata nel Catechismo. Altri, confrontando il testo integrale della conversazione con le sintesi diffuse dalla stampa, notano alcune omissioni che fanno loro pensare ad un tentativo di forzare, da parte della stampa laica, il pensiero del Papa in una direzione 'gradita'.

Il riferimento è soprattutto alla mancanza, nei primi resoconti, delle risposte date da Francesco alla giornalista brasiliana Patricia Zorzan, in merito alla legislazione sull'aborto e – ancora – sui matrimoni gay. Temi a proposito dei quali il pontefice si esprimeva ricordando che la Chiesa ha "una dottrina chiara". Il nodo della questione, come si è sviluppata nelle discussioni a cui ho partecipato sui social network, era se questa selezione mediatica dei contenuti riflettesse la volontà di attribuire al Papa una "agenda" non sua su questi argomenti, o se, invece fosse dettata semplicemente dai criteri giornalistici di sintesi e del 'fare notizia'.

Ora, che esistano ambienti spesso ostili in via di principio alla Chiesa e alle sue iniziative, è impossibile da nascondere, ed è naturalmente giusto che i fedeli cattolici sollevino il problema. Tuttavia, interpretare – come a volte avviene – tutti (o quasi) i resoconti provenienti da determinati organi di informazione come un tentativo in tal senso, nasconde un a mio parere una tentazione. Quella di sentirsi, sempre e comunque, "sotto assedio", impossibilitati a farci capire, come cristiani, dal resto della società. Una convinzione a rischio, paradossalmente, di trasformarsi in una profezia che si auto-avvera, nascondendoci anche le occasioni – opposte – di dialogo fruttuoso.

Mi sembra che proprio papa Francesco, col suo colloquio a microfoni aperti in aereo, abbia indicato la traccia da seguire per evitare questa insidia. In nessuna delle sue risposte si è allontanato dalla dottrina cattolica e dal magistero, ma ha espresso gli stessi concetti nel suo stile diretto e quotidiano, evitando il tono dei discorsi ufficiali che (non solo nel mondo ecclesiale ma anche – e forse ancor di più – nel cerimoniale degli Stati laici) a volte risulta un altro ostacolo alla comprensione reciproca.

In questo sta – probabilmente – la vera portata 'rivoluzionaria' di quel colloquio con la stampa: nel mostrare che, anche in presenza di temi delicati, c'è un modo per rompere – o prevenire – la logica del 'muro contro muro'. Affidarsi, cioè, a quell'impegno che, a mio parere, riassume lo spirito dell'intero colloquio: "Dobbiamo abituarci ad essere normali". Fiduciosi che – presto o tardi – anche altri seguiranno questo esempio.
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
chiesa cattolicadialogomediapapa francesco
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni