Aleteia
sabato 24 Ottobre |
Sant'Antonio Maria Claret
Stile di vita

Il rosario spiegato da un bambino africano

Davide Maggiore - Vinonuovo.it - pubblicato il 30/07/13

Dalle baraccopoli del Kenya una domanda che spinge a riflettere sui segni cristiani e sul loro valore testimoniale

"Se è vero che sei cristiano, dov'è il tuo rosario?" A chiedermelo è un bambino di otto-dieci anni, che malgrado l'età già conosce la vita delle baraccopoli di Nairobi, e ora è tra i beneficiari di un progetto di recupero dei missionari comboniani, poco lontano dalla capitale kenyana.

Spiegare il significato e i modi della mia fede cattolica a volte non è facile neanche nella mia lingua madre, di fronte a persone di cui conosco le idee e con cui ho esperienze in comune. Figuriamoci in inglese, a un piccolo sconosciuto che vive in Africa! E in più, c'è la difficoltà data da quel particolare: il rosario, che qui i cattolici – effettivamente – portano spesso al collo.

Ecco, come spiegare a un bambino, sia pur cresciuto in baraccopoli, che il rosario, nella mia vita di cristiano, è finora entrato poco? E come potrei mai dirgli che, anzi, per molti anni l'ho considerato una pratica datata, tipica del 'cristianesimo dei nonni',  in fondo connessa in maniera molto tenue con la fede 'in sé'? Scelgo la via più facile, fingere di non aver capito. "Il rosario?", chiedo con tono curioso. E lui conferma: "Sì, il rosario. Qui tutti ne abbiamo uno, e tu?"

"L'ho lasciato a casa", rispondo, cercando di sembrare un po' sbadato. E, in effetti, non è neppure una bugia: sulla mia scrivania di Roma c'è una corona,  che mi è stata regalata anni fa da un francescano. Casualmente, all'indomani di una giornata di sconforto. Non ricordo quante volte l'ho usata, ma sta sul mio tavolo da lavoro appunto per ricordarmi di non disperare, mai. Al bambino questo non lo dico, ma preciso: "Io non lo indosso, perché si usa per pregare".

"Certo che si usa per pregare!", conferma lui, forse un po' sbalordito dalla mia apparente ottusità. E però insiste: i cristiani lo portano anche al collo, in fondo pure i sacerdoti hanno il crocifisso, no? "È vero", concludo a quel punto io, e gli sorrido. Perché grazie a quella sua infantile insistenza ho capito quale significato ha per lui indossarlo. Più o meno lo stesso che, per i miei nonni, aveva recitarlo. E – forse – anche di quella corona, inutilizzata ma visibile, sulla mia scrivania.

È un valore non soltanto di devozione, ma anche di testimonianza. Di memoria di quella rassicurazione dataci dal Maestro: "Io sono con voi, tutti i giorni, fino alla fine del mondo". Una presenza che è la sostanza vera del cristianesimo e che però spesso scivola in secondo piano rispetto alle forme.

È stato impossibile, allora, non pensare a quante volte, tra cristiani e anche tra cattolici, ci siamo divisi sul significato di un gesto, di una pratica, di un segno, di un discorso. E, soprattutto, tra retoriche della 'tradizione' e del 'cambiamento'. Dando forse – diversamente da quel bambino kenyano con la sua corona – troppa importanza alla differenza tra il 'vecchio' e il 'nuovo'. Che invece svanisce nell'ottica di quel 'sempre', promesso dal Vangelo.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
bambinisanto rosario
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Gelsomino Del Guercio
6 frasi di Papa Francesco sulle persone omose...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa su coppie gay: serve una "legge di co...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni