Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 18 Aprile |
Beata Savina Petrilli
home iconChiesa
line break icon

Papa Francesco ai vescovi e clero brasiliani: “pensare la pastorale dalle periferie”

Chiara Santomiero - pubblicato il 29/07/13

Una Chiesa dinamica e missionaria (ad extra) che coniughi unità e diversità (ad intra)

Un contenuto “programmatico”: è unanime sulla stampa il commento sui discorsi che Papa Francesco ha rivolto a cardinali, vescovi e clero brasiliani in occasione della Giornata mondiale della Gioventù di Rio de Janeiro. A partire dall’omelia nella messa celebrata nella Cattedrale di San Sebastiano alla presenza di oltre mille vescovi, sacerdoti, religiosi, religiose e seminaristi.  “Con coraggio – ha affermato papa Francesco – pensiamo alla pastorale partendo dalla periferia, partendo da coloro che sono più lontani, da coloro che di solito non frequentano la parrocchia. Anche loro sono invitati alla mensa del Signore”.  “Non possiamo restare chiusi nella parrocchia, nelle nostre comunità, quando tante persone sono in attesa del Vangelo” ha aggiunto Bergoglio, osservando che “non è semplicemente aprire la porta per accogliere”, ma è “uscire dalla porta per cercare e incontrare”.

E’ racchiusa qui per Avvenire (28 luglio) la “ecclesiologia di Papa Francesco”. «Quella visione di Chiesa dinamica e missionaria che è chiamata a “uscir fuori” per portare Cristo verso le “periferie”. Una Chiesa che non deve aver paura, ha detto il Pontefice, di pescare nelle acqua profonde di Dio e che deve recuperare la sua capacità di “scaldare il cuore” (altra parola chiave del viaggio), evitando così il rischio che siano in molti ad abbandonarla perché da essa si sentono abbandonati e non visti».

Evidenzia la richiesta alla Chiesa di un profondo cambiamento di mentalità anche Andrea Tornielli su Vatican Insider (29 luglio) il quale sottolinea la critica del pontefice al clericalismo, ai pastori “burocrati e funzionari”, alla Chiesa che si fida troppo delle sue strutture così come gli approcci pastorali “disciplinari”, che «privilegiano i principi, le condotte, i procedimenti organizzativi» ma difettano di tenerezza e vicinanza e sono impostati in maniera tale da creare una distanza che li rende incapaci di incontrare uomini e donne del nostro tempo. «L’entusiasmo dei giovani, l’urgenza della chiamata alla missione restano impresse nella memoria di questa Giornata Mondiale della Gioventù – conclude Tornielli -. Non c’è dubbio però che quanto accaduto a Rio de Janeiro e quanto Francesco ha detto richieda un ripensamento e un cambiamento profondo di prospettiva anche per le Chiese del vecchio continente».

Mette il dito sul linguaggio molto diretto e senza remore del Papa nell’indicare i difetti della Chiesa da emendare Stephanie Le Bars in religion.blog.lemonde.fr del 27 luglio (nella traduzione di finesettimana.org): «con franchezza, ha puntato il dito sul “disincanto” dei credenti di fronte ad un “cristianesimo considerato ormai come un terreno sterile, infecondo, incapace di generare senso”. Dietro ad una metafora di un episodio dei Vangeli, si è interrogato sui difetti di una Chiesa troppo “debole”, troppo “autoreferenziale, troppo “fredda”, troppo “lontana dai bisogni”, “prigioniera dei suoi linguaggi troppo rigidi”, “sopravvivenza del passato”.  E, mentre il giorno prima aveva attribuito la disaffezione di molti fedeli alla “incoerenza di certi cristiani e di certi preti”, ha insistito davanti ai vescovi sullo “scoraggiamento” dovuto alle richieste di una Chiesa “troppo alta”». Infatti «“Certi hanno cercato dei sotterfugi perché hanno pensato che l’ideale di vita che la Chiesa propone sia fuori portata”. “Con la disillusione nel cuore, sono andati alla ricerca di qualcuno che li illudesse ancora una volta”» e facendo allusione al motto dei Giochi Olimpici che si svolgeranno in Brasile nel 2016, «il papa ha deplorato che “molti se ne siano andati perché era stato promesso loro qualcosa di più alto, qualche cosa di più forte, qualche cosa di più veloce”».

  • 1
  • 2
Tags:
gmggmg di rio de janeiropapa francescoperiferievescovi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
5
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
6
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
7
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni