Aleteia
giovedì 22 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
Stile di vita

Cosa succede dopo la GMG?

Chiara Santomiero - pubblicato il 27/07/13

Per don Armando Matteo, la GMG deve insegnare uno stile di accoglienza verso i giovani nelle parrocchie

Mentre la Gmg di Rio entra nel cuore del suo programma con l’appuntamento della Via Crucis insieme a Papa Francesco sulla spiaggia di Copacabana, non è inutile gettare lo sguardo a ciò che avverrà al termine di queste giornate carioca piene di colore e di allegria (purtroppo non di sole…): come restituire alle parrocchie e alle diocesi la carica di entusiasmo messa in campo dall’incontro dei giovani del mondo con il pontefice? Come dare quotidianità alla forza del suo insegnamento senza dissiparne l’energia missionaria? Aleteia ha chiesto “lumi” a don Armando Matteo, attento osservatore dell’universo giovanile e autore del libro “La prima generazione incredula”.

Come si concilia il dato di una partecipazione alla messa domenicale dei giovani tra 18 e 30 anni non superiore al 15% con la grande partecipazione, anche a distanza, alla Gmg?

Matteo: Da sempre la Gmg offre ai giovani un codice più vicino al loro mondo dove è presente la cifra delle emozioni, dell’essere protagonisti dell’evento, della percezione di una grande attenzione nei loro confronti. Altri elementi della forza della Gmg sono le catechesi preparate con cura, le celebrazioni liturgiche di vario tipo, non solo la Messa e anche uno spazio apposito per le confessioni. Soprattutto coinvolge l’esperienza della dimensione della cattolicità con la partecipazione di giovani di tutto il mondo e quello della festa, dello stare insieme come comunità che riceve il “sigillo” della presenza del Papa

Quanta distanza c’è tra l’esperienza della Gmg e il quotidiano?

Matteo: Se volessimo usare una formula sintetica potremmo dire che “la Gmg ha fatto storia ma non scuola”. Il rischio è che una volta tornati in parrocchia si cominci a preparare la prossima Gmg, tralasciando la pastorale ordinaria. Infatti nelle nostre comunità c’è una scarsa attenzione alla pastorale scolastica e universitaria così come non si persegue il raccordo con gli insegnanti di religione  che sono quelli che avvicinano la maggior parte degli adolescenti. Manca anche una catechesi giovanile che metta al centro l’incontro con la Sacra Scrittura piuttosto che le tematiche della bioetica o della dottrina sociale, pure importanti. Le celebrazioni domenicali magari sono frettolose, senza canti, non si avverte la presenza festosa della comunità. Un giovane che entra in parrocchia rischia di non sentirsi atteso.

Perchè succede?

Matteo: Di sicuro non per cattiva volontà: scontiamo un problema di struttura. Anche Papa Bergoglio lo ha accennato in un’occasione ricordando come la Chiesa italiana abbia goduto in passato di una grande presenza di sacerdoti, religiose, laici che le hanno consentito un’attività ramificata in 26 mila parrocchie. Infatti in Italia c’è una tradizione bellissima di messa domenicale celebrata in ogni quartiere o frazione. Però il calo delle vocazioni non ci consente più di conservare questa struttura e le celebrazioni assicurate “a pioggia” rischiano di non assicurare il senso di festa della comunità che si ritrova per benedire il dono della vita. Anche l’età media elevata dei sacerdoti o dei catechisti crea distanza dai giovani, non per il dato anagrafico in sé – Papa Francesco è l’esempio del contrario – ma perché se il sacerdote deve occuparsi di più parrocchie o di una parrocchia grande, dove può trovare il tempo per avvicinarsi all’universo giovanile, ai suoi codici, alla sua musica? Come può avere l’occasione per andare a trovare i giovani universitari della sua parrocchia? Non bisogna dimenticare che dietro la Gmg ci sono anni di lavoro e di preparazione anche per scegliere i gruppi musicali, il logo, l’inno. Chi vuole confrontarsi con questa “generazione digitale” ha bisogno di tempo per prepararsi con l’aiuto di tutta una comunità che rimette al centro l’attenzione per i giovani. Forse i banchi vuoti dei giovani in chiesa non ci scuotono ancora abbastanza.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
giovanigmggmg di rio de janeirooccupazione giovanilepapa francescoparrocchie
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha ...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni