Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 22 Febbraio |
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

“Rio at Home”: chi l’ha detto che bisogna per forza partire?

vec12wc1t8998ggirktbhcynmnujik-vdlu4q3kpgof8rts3lrgzqd0eznljyv_gasn7ntv9gimropahintqngnjbiqy.jpg

Chiara Santomiero - pubblicato il 26/07/13

Tante le iniziative parrocchiali, diocesane e regionali per seguire in diretta con Copacabana la veglia di sabato con Papa Francesco

Se per molti giovani italiani l’avventura del viaggio a Rio de Janeiro per partecipare di persona alla 28^ Giornata mondiale della gioventù non è stata possibile per motivi economici o di altro tipo, niente però ha potuto impedire alla fantasia di spiegare le ali al servizio della voglia di “esserci”. Da sud a nord dell’Italia, tante le iniziative di collegamento in diretta alla grande veglia di sabato sera dirottata sulla spiaggia di Copacabana – invece che al Campus Fidei – per motivi metereologici.

“Volo a Rio, un passo a Rio ed un passo a Dio”. Su queste note di Pierdavide Carone i giovani e giovanissimi della diocesi di Conversano-Monopoli si incontreranno sabato sera per “Rio at Home”, l’appuntamento organizzato dal Servizio diocesano per la pastorale giovanile della diocesi. Una serata di festa in piazza Castello a Conversano caratterizzata da tanta musica oltre che da preghiera e testimonianze, tra cui quella di Papa Francesco e alcuni collegamenti con i giovani in trasferta a Rio accompagnati da don Gaetano Luca e don Vito Castiglione. In Villa Garibaldi, adiacente alla piazza, sarà allestita una tenda per l’adorazione eucaristica e per le confessioni.

I giovani lucani si incontreranno nella splendida cornice di Maratea dal pomeriggio del 27 luglio in contemporanea con Rio de Janeiro. BASTrm Network assicurerà la diretta televisiva su più finestre temporali (ore 18,30-19, 23,30-1,00, 9,30-13, momento conclusivo della Gmg lucana), documentando il momento dell’incontro dei Giovani in P.zza Europa, la veglia e la preghiera notturna in contemporanea con Rio e il momento culminante del mattino con la Messa in diretta concelebrata dai vescovi lucani e la riproposizione di contributi filmati, interviste e testimonianze raccolte nel corso della lunga notte dei giovani a Maratea.

Sono oltre 2 mila i ragazzi delle diocesi della Lombardia che hanno aderito alla veglia di Caravaggio (27 e 28 luglio) durante la quale potranno vivere in diretta l’incontro tra Papa Francesco e i giovani arrivati a Rio de Janeiro da tutto il mondo per la Gmg. All’incontro regionale, promosso da Odl (Oratori Diocesi Lombarde) al Santuario S. Maria del Fonte presso Caravaggio, il gruppo più numeroso è costituito dagli 800 giovani ambrosiani. Seguono i 650 della diocesi di Brescia, gli oltre 250 di quella di Cremona , i 160 di quella di Crema. Questi ultimi arriveranno al Santuario in pellegrinaggio a piedi (partenza sabato pomeriggio alle 17.30 dall’oratorio di Capralba). Numerosi anche i gruppi delle diocesi di Lodi e Bergamo, con più di un centinaio di iscritti. Alcune decine di giovani anche dalle diocesi di Mantova, Pavia e Vigevano.

A Chiavenna come a Rio de Janeiro: non hanno dubbi i giovani dell’oratorio di S. Luigi di Chiavenna (So) che in collaborazione con l’ufficio di Pastorale giovanile della Diocesi di Como e con i vicariati di Chiavenna e Gordona hanno organizzato per il 27 e 28 luglio la manifestazione “Non solo Rio” cui il Comune ha concesso il Palco in Piazza Bertacchi a partire dalle 16 del sabato.

Grazie a internet ci sarà una telefonica in diretta fra Rio e Parma, anzi: Rio de Janeiro-Alberi di Vigatto (Pr). Così il 27 luglio a mezzanotte inizierà la veglia per ascoltare le parole di Papa Francesco, insieme a chi vorrà partecipare a questo evento, presso la parrocchia di San Lorenzo.

Il Comune di Costigliole d’Asti – zona di origine della famiglia di papa Francesco – e la Pastorale giovanile diocesana hanno deciso di festeggiare la Giornata Mondiale della Gioventù proiettando sul grande schermo le immagini in diretta dal Brasile. Sabato sera la Pro loco di Costigliole proporrà la cena sotto le stelle aspettando il grande momento della veglia mentre nel pomeriggio è previsto un pellegrinaggio a piedi fino al castello. Domenica 28 luglio dopo la Messa Grande nel parco del Castello celebrata dal Vicario generale don Vittorio Croce, continuerà il grande incontro dei giovani e di tutti gli intervenuti e sarà presentato l’avvicendamento dei missionari impegnati in Brasile.

Sarà il mare il filo conduttore tra Chioggia e Rio dove stanno arrivando 3 mila giovani per “Io, Te e Rio”, la Gmg interdiocesana che vede coinvolte sette diocesi: Chioggia, Venezia, Vicenza, Udine, Concordia-Pordenone, Adria-Rovigo e Vittorio Veneto. I giovani arriveranno nel centro storico della città sabato 27 dedicando il mattino alla visita di Chioggia e alle catechesi nelle chiese che si affacciano sul Corso del Popolo. Saranno i delegati delle varie diocesi a proporre delle riflessioni sul tema della Gmg scelto da papa Benedetto “Andate e fate discepoli tutti i popoli”. Già dal primo pomeriggio si potrà accedere invece allo stabilimento balneare “InDiga”, l’area nella quale si svolgerà la manifestazione a cui sarà dato avvio con giochi e laboratori. Alle 16.00 la sigla della Gmg, dal titolo “Navigando”, apre l’animazione e la festa sul spiaggia. Ospiti della serata saranno i familiari di Carlo Urbani, il medico marchigiano che, per primo, ha identificato la Sars nel 2002 sacrificando la sua vita.

“Pescara chiama Rio”: la città abruzzese dedica due giorni di preghiera alla Gmg con il collegamento con Rio de Janeiro per la veglia conclusiva dallo stadio comunale di Città S. Angelo. Il momento di festa è stato addolorato dalla tragedia alla fabbrica di fuochi d’artificio che ha causato la morte del giovane Alessio di Giacomo cui sarà dedicata la preghiera notturna. Il programma prevede momenti di animazione ma anche la catechesi e la celebrazione penitenziale fino alle 24, momento del video-collegamento con Rio de Janeiro. Insieme anche per trascorrere la notte in sacco a pelo e riprendere la preghiera al mattino dalle 10. Alle 14 celebrazione eucaristica nella chiesa di San Michele arcangelo presieduta da monsignor Valentinetti e video-collegamento con Rio per l’omelia della Santa Messa presieduta dal Santo Padre.

Gli eventi di Rio “tracimeranno” anche nella domenica. “Io, te e Rio: la movida della fede”. Così si intitola l’incontro promosso a Tropea per il 28 luglio, dall’Ufficio diocesano per la pastorale delle vocazioni, guidato dal Rettore del Seminario di Mileto don Francesco Sicari in collaborazione con i parroci della cittadina tirrenica. “Il vento della Gmg – affermano gli organizzatori – soffierà così anche nella nostra città nel cuore della stagione estiva”. I partecipanti si troveranno alle 21 nella piazzetta della Villetta del cannone e un momento di festa e di animazione con canti e bans curato dagli scout della città; seguirà un corteo processionale dietro ad una grande croce che attraverserà alcune strade di Tropea per arrivare nella Chiesa del S. Rosario dove si svolgerà una veglia di preghiera, animata dai giovani dell’Azione cattolica parrocchiale e durante la quale i sacerdoti presenti ascolteranno le confessioni dei ragazzi. La veglia si concluderà con il rito del lucernario: dal cero pasquale, simbolo di Cristo Risorto, verranno accese e consegnate ai giovani presenti delle luci, per indicare il dono della luce della fede che mai si deve spegnere e che deve crescere per illuminare il presente fino a diventare, come afferma Papa Francesco, “una stella che mostra gli orizzonti del nostro cammino, in un tempo in cui l’uomo è particolarmente bisognoso di luce”.

Tags:
diocesigiovanigmggmg di rio de janeiropapa francescopastorale giovanile
Top 10
See More