Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Un appello a papa Francesco per la Siria

© Aris MESSINIS / AFP
Condividi

La denuncia dell'Onu: 5 mila morti al mese, 3 milioni di bambini senza assistenza umanitaria

“Stimato e caro papa Francesco, sapendola amante della pace nella giustizia, le chiediamo di promuovere personalmente un’iniziativa diplomatica urgente e inclusiva per la Siria, che assicuri la fine del regime torturatore e massacratore, salvaguardi l’unità nella molteplicità del paese e consenta, per mezzo dell’autodeterminazione democratica assistita internazionalmente, l’uscita dalla guerra tra estremismi armati”. Inizia così la lettera che il gesuita Paolo Dall’Oglio, per 30 anni uno dei fautori del dialogo islamo-cristiano in Siria attraverso la comunità di Mar Musa, rivolge a papa Francesco proponendola al tempo stesso come petizione per quanti vogliano unirsi al suo appello.

L’iniziativa di padre dall’Oglio arriva in contemporanea con l’intervento di mons. Francis Chullikatt, osservatore permanente della Santa Sede presso il Consiglio di Sicurezza dell’Onu a New York, in un dibattito presso la sede delle Nazioni Unite avente ad oggetto il Medio Oriente. Come riferisce Radio Vaticana (24 luglio), il diplomatico della Santa Sede dopo aver espresso l’auspicio che i negoziati tra israeliani e palestinesi possano riprendere, ha però spostato l’attenzione sull’emergenza in corso in Siria. «“Quanta sofferenza dovrà esserci ancora, prima che una soluzione politica venga trovata?”, si chiede il presule, che intende riportate l’attenzione del mondo sulle cifre impressionanti del conflitto: cinquemila morti al mese, quasi due milioni di rifugiati – il 10% della popolazione – nei Paesi confinanti e quattro milioni di sfollati interni; quasi sette milioni di persone, la maggior parte bambini, che hanno bisogno di tutto. Un’attenzione particolare, poi, per la comunità cristiana locale, che vive nell’insicurezza a causa dell’aumento di rapimenti e omicidi che non risparmiano neppure sacerdoti e vescovi, ma ci sono anche 60 chiese distrutte e il patrimonio artistico e culturale è messo fortemente a rischio. “Non ci può essere progresso sociale senza giustizia – ammonisce mons. Chullikatt – e senza il riconoscimento del ruolo delle minoranze etniche e religiose all’interno della società”. La richiesta è quindi di un’apertura al dialogo da entrambe le parti, perché “non ci può essere alcuna soluzione militare al conflitto siriano”. La guerra, in generale, non è un mezzo per risolvere i conflitti, che invece si possono appianare solo con la diplomazia, perché “la pace in Siria ci rende tutti vincitori, mentre il conflitto duraturo garantisce solo perdenti”».

L’Osservatore Romano, tra le poche testate che ha tenuto viva una attenzione costante sulla crisi siriana, informa (21 luglio) delle drammatiche cifre che riguardano in particolare i bambini titolando «Tre milioni di bambini in ostaggio del conflitto siriano». In Siria oltre tre milioni di bambini sono in assoluta necessità di assistenza umanitaria. «L’allarme – scrive il quotidiano della Santa Sede – è stato lanciato dalla rappresentante speciale dell’Onu per i bambini e i conflitti armati, Leila Zerrougui. Parlando martedì dal Libano, dove nelle ultime settimane c’è stato un contagio delle violenze siriane, Zerrougui ha dichiarato che in Siria al momento ci sono 6,8 milioni di persone che necessitano di soccorsi umanitari e che la metà di loro sono appunto bambini. “Tutte le parti in causa devono cessare i bombardamenti, l’utilizzo di armi esplosive nelle aree popolate e il ricorso ad attentati terroristici” ha detto Zerrougui, sottolineando l’importanza di fornire assistenza umanitaria e precisando che, in base al diritto internazionale, i civili non devono essere presi in ostaggio dai combattenti».

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.