Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
Chiesa

Il papa a Rio: un viaggio che segnerà una svolta nel cattolicesimo?

P Deliss / Godong

Lucandrea Massaro - pubblicato il 22/07/13

I poveri sono il centro della predicazione di Gesù e al giorno d'oggi la povertà è il segno di una società che ha smesso di sentirsi solidale con se stessa

Se lo chiedono in molti se questo viaggio sarà una svolta per la Chiesa, e se la predicazione intensa di questa GMG, rappresenterà un tassello fondamentale del programma di pontificato di Francesco. Luigi Accattoli sul Corriere della Sera firma un editoriale in cui si domanda se il papa argentino, saprà cogliere la grande opportunità della GMG: “da oggi e per l’intera settimana il papa delle «periferie» avvia la sua uscita nel mondo partendo dalla periferia continentale che meglio gli è nota e dalla quale proviene. Due sono le attese su questo primo viaggio internazionale del nuovo papa: per l’incontro con i giovani e per la definizione stessa dell’immagine del Papa latino-americano che da subito si è posto alla ricerca di «una Chiesa povera e per i poveri»”.

E’ il tema dei poveri quello che interessa molto al pontefice e che può fare breccia nei cuori dei più giovani, molto meno individualisti di quanto si pensi, pronti ad accogliere proposte radicali se fatto nel modo giusto. Prosegue Accattoli: “L’incontro con i giovani sarà un tuffo nell’interrogazione centrale del cristianesimo del terzo millennio: se esso abbia ancora un futuro, in Brasile e nel mondo. Com’è nel genio di Rio de Janeiro e della calda gestualità dell’uomo Bergoglio, gli elementi emozionali produrranno manifestazioni contagiose, ma sarà da vedere se il papa che va predicando la misericordia troverà la via per presentare ai ragazzi del terzo millennio una figura di Cristo capace di attrarli” (Corriere della Sera, 22 luglio).

Il Brasile ha appena vissuto una serie di manifestazioni che denunciavano il costo della vita, la  corruzione e le spese esagerate per l’organizzazione dei mondiali di calcio. Ora, il papa argentino,  che dalla sua elezione ha costantemente messo in primo piano gli aspetti sociali, potrebbe far leva  su questo clima per farsi portavoce dei poveri, figli della globalizzazione. Pur senza inserirsi nella  scia dei teologi della liberazione, nella quale riconosce “del buono e del meno buono”, ma di cui  rifiuta l’approccio di tendenza marxista. Il papa, che si sforza di incarnare “una Chiesa povera per i poveri”, ha previsto di andare a piedi in una delle bidonville più povere e, fino a poco tempo fa, più violente della capitale brasiliana, e  anche di incontrare dei tossicodipendenti. Per attirare l’attenzione sulle devastazioni della droga e della prostituzione, tutte forme di “schiavitù moderna” da lui denunciate (Le Monde, 21 luglio).

Una sfida – quella dell’opzione preferenziale per i poveri – che coinvolge tutta la Chiesa cattolica e che spiega anche il rapporto con le chiese evangeliche sempre più presenti nell’America Latina. Rio stessa è anche una città ad alto tasso di crescita “evangelical” cioè protestante. Secondo l’Istituto statistico brasiliano (IBGE) che pubblica ogni dieci anni il censimento delle religioni, la proporzione di cattolici è diminuita nel paese di 10 punti in dieci anni, passando dal 74% nel 2000 al 64,6% nel 2010 (nel 1979 i brasiliani che si dichiaravano cattolici erano il 92%). In parallelo, invece, il numero degli evangelical ha preso il volo, passando dal 5% al 22% della popolazione in quarant’anni. Tra i ventisette Stati del Brasile, quello di Rio batte tutti i record. Meno del 46% della popolazione si dichiara cattolico. Una delle possibili spiegazioni di questa crescita è “l’esplosione demografica a partire dagli anni 50 provocherà, nei decenni successivi, importanti migrazioni interne in tutti i paesi del continente”, spiega Jesus Garcia-Ruiz, antropologo, specialista delle nuove forme del religioso in America Latina (“www.temoignagechretien.fr”, 20 luglio).

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
gmggmg di rio de janeiro
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni