Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 21 Aprile |
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Incontrare è anche farsi accogliere dall’altro

nzwjeve7yfswvil43f7ejt4qvjvtxlgeyivq1lgoro7t7qyvm-ma5yejje8929p0qb_w990_q8pgk_zmjvxvkue-tcuoiq.jpg

Jean Matthieu GAUTIER/CIRIC

padre Renato Zilio - pubblicato il 10/07/13

Ma al prendere o all'essere preso non appartiene il sapore dell'incontro

Incontrare l'altro è sporgere la testa fuori dalla propria tenda. E al tempo stesso prepararvi uno spazio al suo interno, per accogliere chi potrebbe passare. Dio infatti ha tanto amato l'ospite da farne spesso il messaggero.

Incontrare sarà ascoltare il tuo ospite e il suo racconto – ma tutto in un uomo parla di lui – lasciandolo arrivare, senza interromperlo, là dove il suo desiderio lo spinge… E sarà accoglierne attentamente il suo messaggio come si respira il profumo di legno di cedro che arde, al fuoco, in mezzo a voi. Sarà serbarne dentro di te l'essenziale, che non si è consumato.

Ma incontrare è anche farti accogliere dall'altro. Sarà allora scuotere la polvere dai tuoi sandali davanti alla sua porta, perché il pregiudizio o l'avversione non sono degni di entrare con te. L'incontro o il confronto con un essere umano, a qualsiasi cultura appartenga, saranno sempre occasione per te di trasformarti e di progredire.

Incontrare è dare la mano all'altro, per poter stringere la sua. Ma non sarà con troppa forza come per trattenerla, né il contatto inesistente di una mano senza presa. Al prendere o all'essere preso non appartiene il sapore dell'incontro...Darsi la mano sarà lasciarle riposare un istante l'una nell'altra.

L'incontro fra persone differenti è sempre un atto di fede. Sarà credervi degni di incontrarvi. Ma sarà anche un atto di speranza, perché l'amicizia che dite dovrà rendervi più umani di quanto lo siate ora. E quando due corpi si toccano è un gesto che ha il senso della promessa.

Ma la tua parola non sarà un'arma per combattere l'altro o ferirlo, perché allora non è degna di te. La parola ti fu data per rivelarti all'altro e con essa ridargli vita. Parlare sarà offrire su un vassoio ciò che serbi in te di migliore. Ascoltare sarà dare ospitalità all'altro che la chiede.

Incontrare è entrare nel mondo di altri. Come un giorno ha fatto Dio per incontrare l'essere umano. Per questo imparò a parlare, a piangere e a sorridere come gli essere umani. A incontrarli nella loro lingua – una terra che si abita insieme – per ridire la dignità di essere creature umane. E manifestare un amore per loro mai conosciuto prima di allora: accogliere la propria morte per dare loro in cambio la vita. Gesto di umiltà che solo Dio poteva insegnare come il suo unico modo di dirsi grande.

Incontrarsi è l'umiltà di sentire l'altro prezioso quanto te.

Tags:
dioincontrospiritualità
Top 10
See More