Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

I sette vizi capitali dei social network

Condividi

Da un blog della rivista francese «La Vie» una rilettura 2.0 di un tema classico dell’etica cristiana per aiutare il popolo della rete a guardarsi allo specchio

La rete è un ambiente in cui viviamo ormai parecchio tempo delle nostre giornate. E – anche senza accorgercene – dentro vi portiamo tanti nostri atteggiamenti. In maniera simpatica Pierre Durieux – direttore del Servizio della comunicazione della diocesi di Lione – aiuta in questo articolo a guardarsi un po’ allo specchio, rileggendo in questa chiave il tema dei sette vizi capitali. L’articolo è stato pubblicato qualche giorno fa nel blog che Durieux tiene sul sito del settimanale cattolico francese La Vie e lo proponiamo qui in una nostra traduzione (clicca qui per leggere l’originale in francese).

——————

Qualche tempo fa era chic parlare dei social network solamente in termini di rischi e minacce. Bastava uno scandalo mediatico a dare credito a una tesi abbastanza inconsistente che mascherava in maniera molto maldestra l’ignoranza riguardo a questi mezzi e la mancanza di voglia di "metterci la testa".

Più recentemente, quasi come un controbilanciamento – movimento per di più benedetto da papa Benedetto XVI – è diventato chiaro che Facebook e Twitter sono mezzi "in-di-spen-sa-bi-li" per la nuova evangelizzazione e cruciali per essere all’ascolto delle "gioie e le speranze, le tristezze e le angosce degli uomini d’oggi" del nostro paese e del mondo.

In effetti, tra queste due prospettive – una troppo fosca e l’altra troppo ottimista – e dato che queste reti ci sono diventate sempre più familiari, occorre dire grazie per tutto il bene che ci hanno fatto, a cominciare dal fatto che hanno avvicinato un po’ di più le persone tra loro, senza nascondersi le tentazioni che comportano e i sette peccatori capitali che vi imperversano.

Il superbo. Non legge i messaggi degli altri ma rilegge i propri. Un filo esibizionista borderline, valuta costantemente la propria influenza e gratifica almeno il suo entourage con le proprie riflessioni narcisistiche. Gli piace sottolineare i propri pseudo-incontri con i grandi di questo mondo: "Ehi, @MelGibson non è che hai dimenticato i tuoi occhiali?". Non è un membro della rete, è la testa della rete. Tiene la contabilità delle proprie interazioni su Twitter e disegna le curve dei "likes" e dei propri status su Facebook. Il massimo della soddisfazione è vedere che le proprie informazioni sono riprese, condivise e commentate. In un epoca di dittatura del relativismo è bene che vi siano dei nuovi magisteri. E in tutta franchezza è meglio che sia lui il maestro del momento, visto l’alto numero di cretini in circolazione. Inoltre, è assolutamente necessario che cambi la foto del proprio profilo circa ogni 48 ore. Quella del proprio ombelico.

L’avaro. Lui al contrario non condivide le proprie informazioni: lucra quelle degli altri. Consuma lo schermo a furia di guardare. Sotto pseudonimo, vede ma non si fa vedere. Voyeur imbucato s’immischia segretamente nel quotidiano del suo giro, se la ride nel suo angolino o s’intristisce, ma si guarda bene dal commentare o dall’interagire. Ritiene che gli altri manchino di pudore e non comprende come si possa buttare al vento le proprie informazioni in quel modo. In generale l’avaro si smaschera con un’osservazione assassina in occasione di un incontro nel mondo reale: "Va meglio col tuo capo, per quel che capisco dal tuo status del 12 settembre scorso delle 19,06, che è piaciuto a Teresa e Sofia".

L’invidioso. Si domanda se non dovrebbe smetterla con i social network. È troppo dura vedere tutta questa gente che sprizza felicità. La continua autopromozione dei propri amici lo fa impazzire. Commenta in modo compulsivo con messaggi gutturali, del tipo: "Hmm, boh, già visto, blurp". Autoerotismo e stop. Quando lui pubblicherà qualcosa, vedranno gli altri di che cosa è capace! Per il momento s’accontenta delle peripezie che legge qua e là, ma non può fare a meno di rattristarsi per l’erba più verde di questo festino interattivo nel quale lui fa la parte del Lazzaro.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni