Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 22 Gennaio |
San Vincenzo Pallotti
home iconNews
line break icon

Cyberbullismo: la soluzione? Iniezioni di dialogo per i giovani

Silvia Costantini - pubblicato il 27/05/13

Il caso di Carolina, la quattordicenne novarese morta suicida, è tornato nuovamente alla ribalta. La pedagogista Maria Grazia Lombardi spiega come difendersi e come reagire

Il bullismo e il cyberbullismo sono una piaga sociale che colpisce specialmente i teenager, con conseguenze a volte letali, che sfociano addirittura nel suicidio.  Non ultimo il caso di Carolina, la quattordicenne novarese che si è tolta la vita il 5 gennaio scorso perché umiliata sul web. Momenti di vita intima, insulti e molto altro una volta finiti in Rete diventano per le vittime un problema così grande e ingestibile, da indurli a gesti estremi.

Per questo Aleteia ha intervistato la dott.ssa Maria Grazia Lombardi, pedagogista e dottore di ricerca all’Università degli Studi di Salerno.

Quali possono essere le risorse a disposizione dei giovani, per imparare a difendersi da questi atti di violenza sia fisica che psicologica?

Lombardi: C'è un primo livello che riguarda l’educazione al dialogo. I ragazzi devono essere abituati a esternare quello che provano e laddove subiscono delle intimidazioni o delle situazioni che in qualche modo mettono a rischio la loro socializzazione, la loro sfera relazionale, devono avere la possibilità di chiedere aiuto. E questo processo deve partire dai bambini piccoli, a cui dobbiamo insegnare a comunicare, ad esprimere il loro mondo interiore, sin dalla tenera età.

Un altro elemento è quello di invitare i ragazzi a trovare una persona di riferimento, un adulto di cui si fidano, qualcuno da informare e a cui poter chiedere aiuto, non necessariamente un genitore, meglio un insegnante o un amico. Ed è importante parlare prima che la situazione sfugga di mano.

E’ importante anche lavorare sull'autostima dei ragazzi, ma non quando sono già vittime del bullismo, perchè lavorare sull’autostima è un percorso lungo, che richiede anni.

Quali strategie adottare, quando si capisce che si sta diventando oggetto di bullismo sia nella vita reale che nel web?

Lombardi: In ogni caso, i ragazzi devono imparare a non avere paura di dichiarare il proprio disagio e ad affidarsi a centri e a professionisti  specializzati, che lavorano in questi ambiti. Inoltre, è importante contare  sull’aiuto e il coinvolgimento dei professori. Parlare è la parola chiave.

Cosa consigliare a un ragazzo/a che è già diventato/a oggetto di bullismo?

Lombardi: Non isolarsi. L’unico modo che possiamo consigliare ai nostri ragazzi per interrompere la catena del bullismo (dal bullo, alla vittima a chi assiste al fenomeno di bullismo), è inserire un elemento quarto, un adulto, esterno, che possa interrompere questa spirale distruttiva.

In che modo dovrebbero reagire la famiglia, gli amici e in generale la società?

Lombardi: Gli adolescenti, anche se hanno difficltà a parlare, comunque inviano dei segnali forti agli adulti. Alcuni indicatori di un loro disagio interiore possono essere: una chiusura eccessiva, un calo negli studi, mancanza di appetito, una frase esageratamente triste scritta sul proprio blog… E comunque un genitore assiste a un cambiamento. Se un adolescente dall’oggi al domani assume atteggiamenti che non aveva assunto in precedenza, l’adulto ne deve tenere conto e stare in allerta.

La famiglia e in generale gli adulti dovrebbero cercare di cogliere questi segnali di difficoltà degli adolescenti, e invogliarli a parlare, ad uscire dal proprio dolore, per cercare di instaurare un’alleanza educativa. Il “ti puoi fidare di me” è il primo tassello per poter costruire un nuovo percorso, per trovare una via d’uscita.

Il sostegno che si offre, però non può essere giudicante, ma piuttosto un sostegno che significhi ascolto, che porti poi ad attivare un processo di recupero, con una rete di professionisti.

A livello preventivo, quali strategie consigliare?

Lombardi: Invitiamo i nostri ragazzi a utilizzare i social network come strumento di supporto alla socializzazione e non per la socializzazione. Questo significa per esempio su Facebook di accettare tra i propri amici solo persone che si conoscono, non condividere immagini con tutti, non inserire sulla Rete tutta la nostra vita sociale, ma condividendone solo alcuni aspetti, e sicuramente mai quelli intimi.

Tags:
cyberbullismosocial networksuicidio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
2
LEANDRO LOREDO
Esteban Pittaro
Morire con un sorriso, seminando santità anche in ospedale
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
LIBBY OSGOOD
Sandra Ferrer
Libby Osgood, la scienziata della NASA diventata suora
5
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha mai fallito
6
DON MAURIZIO PRATICIELLO
Gelsomino Del Guercio
Don Patriciello: “Genitore 1 e Genitore 2 mi ricorda le addizioni...
7
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti maligni a San Miche...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni