Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Fra Alessandro Brustenghi, il tenore da Assisi

Condividi

Messo sotto contratto dalla storica casa discografica britannica “Decca”, ha venduto centinaia di migliaia di copie in tutto il mondo

E' il primo religioso ad aver inciso un disco per una delle maggiori case discografiche mondiali. Eppure “trema” ancora quando gli chiedono di esibirsi in pubblico. Il suo disco Frate Alessandro. La voce di Assisi ha venduto centinaia di migliaia di copie in tutto il mondo eppure dice di non essersi ancora abituato a “sorella notorietà”, anzi ne parla come di un “sacrificio”, e confessa di sentirsi piuttosto “chiamato a una vita semplice, ritirata con poche cose”.

Si chiama fra Alessandro Brustenghi è nato a Perugia nel 1978 e nel 2009 ha professato i voti come francescano. Tre anni dopo ha registrato l'album con la “Decca”, presso gli studi di registrazione di Abbey Road, dove erano di casa i Beatles. Dedica almeno un'ora di esercizi al giorno, insegna canto, suona l'organo, il pianoforte e ogni tanto si diletta al clarinetto.

In una intervista apparsa sul nuovo numero di Credere, fra Alessandro afferma di apprezzare tutta la musica dal gregoriano all'elettronica e di essere molto legato a Michael Jackson e in particolare alla canzone Unbreakable. “C'è un punto in cui dice: 'Anche se tu mi sotterrassi sotto tutto il dolore, io risalirò dalla terra ridendo' E' come se parlasse della risurrezione di Cristo”.

Ma come è nata la sua vocazione? “Da adolescente sentivo tanta confusione dentro di me – risponde fra Alessandro –. Ero idealista, ho vissuto l'esperienza della solitudine. A 17 anni circa, mentre studiavo alle superiori, mi sono ritrovato da solo, non avevo un progetto, qualcosa per cui vivere. Solo la musica aveva per me un senso, ma era una via di fuga. Allora mi sono ritirato in un bosco e ho gridato verso Dio: 'Se ci sei, fatti vivo, dammi un segno della tua presenza'. Non ero sicuro che mi avrebbe risposto, invece l'ho incontrato. Da quel momento Dio per me non è stato più un'idea, ma una presenza. Mi sono sentito amato. E' scomparsa la paura, tutto è diventato bello, ho scoperto di essere nelle mani di Dio”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.