Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 09 Maggio |
Santa Louise de Marillac
home iconStile di vita
line break icon

Disabilità e sessualità: un tabù o una occasione per ripensare l’affettività?

Lucandrea Massaro - pubblicato il 10/05/13

Non c’è naturalmente solo l’aspetto sessuale ma anche una corretta educazione affettiva che va insegnata e diffusa nella Chiesa e nella società, perché la vita delle persone portatrici di handicap sia piena e soddisfacente: quali le iniziative e quali i pregiudizi da sfatare?

Claudia Giorgini: È un’esperienza che coinvolge tutto il corpo, tocca la nostra libertà e le nostre scelte. È un modo di esserci, globale, coinvolge tutto me stesso (corpo, sentimenti, relazioni). Un possibile percorso educativo dovrebbe prevedere queste tappe:

a) dall’eros come bisogno all’eros come esperienza della relazione, della tenerezza e del dono di sé;
b) dall’individualismo (del privato) alla relazione: la famiglia è la prima forma dell’esperienza dell’amore. Acquista il senso di relazione d’amore, di comunione totale.

E’ necessario un apprendimento del controllo delle pulsioni:

– avviare un processo di umanizzazione nel senso di educare al controllo delle pulsioni;
– l’adulto deve diventare la “via alta” del disabile e cioè la capacità di riconoscere gli impulsi, stimolare il freno e la capacità riflessiva;
– dalla relazione con l’adulto nasce la fedeltà, la capacità di relazione.


Maurizio Faggioni afferma che la sessualità, orientata alla relazionalità, si esprime in diversi modi e livelli dipendenti dalla capacità del singolo di instaurare consapevoli relazioni interpersonali. Una relazionalità che si fa prossimità, intimità, luogo della comunicazione non verbale.

Dal lato dei pregiudizi da sfatare bisogna lavorare su tre aspetti che la maggior parte delle persone ritiene “assodati”:

a) primo che le persone disabili sono asessuate;
b) secondo che le persone disabili non sono in grado di avere e di vivere rapporti sessuali: non provano desiderio;
c) e infine, terzo, che le persone disabili sono eccessivamente interessate al sesso e non sono in grado di controllare il loro comportamento sessuale.

Bisogna sfatare questi “miti” e ripartire dal fatto che i disabili sono persone e come tali vanno considerate.

  • 1
  • 2
Tags:
disabilitàfocus sessualitasessualità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
TAMING TRIPLETS
Annalisa Teggi
Resta incinta mentre era già incinta: sono nate 3 bimbe e stanno ...
2
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Gelsomino Del Guercio
Gesù e la lettura del Vangelo. Così Celentano “converteR...
5
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Mar Dorrio
Come trarre profitto spirituale dai momenti negativi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni