Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Disabilità e sessualità: un tabù o una occasione per ripensare l’affettività?

@DR
Condividi

Intervista alla prof.ssa Claudia Giorgini del Pontificio Ateneo Salesiano

P { margin-bottom: 0.21cm;
Ci sono tematiche che non sono semplici, ma che vanno affrontate con serenità e senza preconcetti, una di queste è certamente quella della sessualità vissuta dalle persone con disabilità. Con quale approccio cristiano si vuole affrontare tutto questo? Noi siamo partiti da una considerazione fatta da Giovanni Paolo II nel gennaio del 2004. In quell’occasione il papa polacco – vivendo personalmente la sofferenza di un corpo che non risponde più ai comandi della mente – ricordava che: “Si tratta di un aspetto spesso rimosso o affrontato in modo superficiale e riduttivo o addirittura ideologico. La dimensione sessuale è, invece, una delle dimensioni costitutive della persona la quale, in quanto creata ad immagine di Dio Amore, è originariamente chiamata ad attuarsi nell’incontro e nella comunione. Il presupposto per l’educazione affettivo-sessuale della persona handicappata sta nella persuasione che essa abbia un bisogno di affetto per lo meno pari a quello di chiunque altro”.

Per affrontare in modo corretto questo argomento abbiamo chiesto aiuto alla prof.ssa Claudia Giorgini, docente di “Metodologia Catechetica: persone diversamente abili" presso il Pontificio Ateneo Salesiano.

Professoressa Giorgini, come si affronta tutto questo in un contesto etico e medico oggi?

Claudia Giorgini: Oggi, viviamo nel tempo della cultura dell’erotizzazione. Questa è costruita sull’idea che “l’uomo è tale perché fa sesso; il disabile è uomo, il disabile deve fare sesso”; ancora, è interessante nella misura in cui è continuamente stimolante e può essere cercata solo se è sempre nuova (è una tecnica del corpo); è il luogo del piacere individuale e l’altro è lo strumento per raggiungerlo. Si riduce la sessualità a genitalità.

Purtroppo “le logiche…. illogiche” che sottendono a questo modo di pensare sono:

– La logica della negazione (il problema è visto, ma si preferisce negarlo, non esiste)
– La logica della rimozione (meccanismo di difesa per smettere di vedere il problema)
– La logica dello scarto (il problema viene identificato, delimitato, isolato, separato dal resto)

Dovremmo, invece, affermare che la sessualità coincide con un fondamentale modo d’essere del sé: appartiene all’esperienza del proprio corpo, nella relazione ad altri da sé e nelle forme della cultura. I gesti del corpo hanno un senso in quanto sono dentro una relazione affettiva e integrati in una totalità di sentimenti e di emozioni. L’eros è più della sessualità e coinvolge la possibilità di vivere il piacere della vita; dello stare insieme, del mangiare, del bere, del fare qualcosa che provoca emozioni positive e piacevoli.

In alcuni paesi europei (Germania, Paesi Bassi e Svizzera in particolare) ci sono figure professionali di terapisti – opportunamente formati – che prestano servizio presso centri medici e riabilitativi per vittime di incidenti oppure per persone con disabilità congenita che hanno problemi con la loro sfera affettivo-sessuale, cosa ne pensa? Sono parte di una risposta corretta a questa tematica?

Claudia Giorgini: Non esistono ricette preconfezionate su come va gestita la sessualità con le persone con disabilità, tuttavia ritengo che l’esperienza di alcuni Paesi europei come quelli da lei citati, dove esistono associazioni che utilizzano dei professionisti che si prestano per prestazioni sessuali, non sia la risposta adeguata e che si rifa all’idea che la sessualità è puramente un atto di sfogo. Io mi chiedo quali possano essere i benefici psichici, fisici e relazionali acquisiti dalla persona oggetto di queste prestazioni o in misura maggiore i danni che ne derivano (al disabile) dal subire un simile trattamento. Si perde completamente di vista la dimensione umana dell’atto con la supremazia dell’essere animale dell’uomo.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.