Aleteia
martedì 20 Ottobre |
San Paolo della Croce
News

Roccella: recuperare l'alfabeto della persona e della vita

Chiara Santomiero - pubblicato il 09/05/13

“La colonizzazione della natura umana”, presentato il Quarto Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel mondo

E’ in atto una “colonizzazione della natura umana” attraverso leggi che in materia di vita, procreazione e famiglia “stanno snaturando le relazioni sociali” e operano per una ricostruzione della società “su basi innaturali”. Ne sono convinti gli estensori del Quarto Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel mondo curato da mons. Giampaolo Crepaldi, arcivescovo-vescovo di Trieste e presidente dell’Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân sulla Dottrina sociale della Chiesa e Stefano Fontana, direttore dello stesso Osservatorio che invitano a spostare l’attenzione a questo nuovo orizzonte da quelli tradizionali per la Dsc di società, economia e politica. Alla presentazione del Rapporto avvenuta a Roma l’8 maggio è intervenuta l’onorevole Eugenia Roccella che ha confermato ad Aleteia la necessità, per far fronte a questo fenomeno, di una “rialfabetizzazione” della società attuale.

Perché è necessaria una rialfabetizzazione nel mondo di oggi?

Roccella: Si stanno perdendo i concetti che un tempo davamo per scontati e su cui è costruita la comunità umana. L’evidenza originaria, il concetto di persona, i concetti più semplici su cui c’è una saggezza popolare come mamma, papà: il detto “ogni scarrafone è bello a mamma sua” vuol dire in fondo che il figlio non si sceglie, che l’amore si dona, che non viene “meritato” da un bambino, perché il bambino per essere amato non deve essere bello o buono. Tutte queste cose oggi si stanno man mano perdendo perché c’è l’idea che il figlio è un diritto e comincia a esserci anche l’idea che possa essere un oggetto che si compra. Man mano che questi concetti si diffondono nella società – occidentale in particolare, ma non solo – si perde l’alfabeto umano.

Lei ha parlato, a questo proposito di varie espressioni cui ridare senso: per esempio “qualità della vita”.

Roccella: Si tratta di un concetto molto diffuso e molto rischioso. L’aggettivo “di qualità” è più appropriato se accogliamo prima un concetto: una persona ha una sua qualità sempre, comunque e in qualunque condizione. Non sempre si pensa così. Ricordo la lettera di PierGiorgio Welby a Napolitano in cui scriveva: “la mia vita non è più quella di un tempo, non ha più qualità, non posso più sentire il vento tra i capelli o fare una passeggiata alla sera”. Certo è vero, ma questo non significa che la tua vita, la tua persona, non ha più qualità. Qualità umana. Piano piano è questo il concetto che si vuol far passare: una vita che non sia al top, in assoluto benessere, in assoluta autonomia, non è più una vita degna di essere vissuta.

E il concetto di “autodeterminazione”?

Roccella: Secondo me il concetto di “autodeterminazione” è una grande illusione. Io preferisco parlare di libertà. Noi non nasciamo “autodeterminati” perché nasciamo nel grembo di un’altra persona, totalmente dipendenti da lei per un bel po’ e abbastanza dipendenti abbastanza a lungo perché prima che un figlio sia autonomo impiega parecchi anni. Inoltre siamo dipendenti in mille modi: quando siamo fragili, malati, bisognosi, addolorati. Siamo persone che sono in relazione con altre persone e possono essere anche “affidate” ad altre persone. Una persona “affidata” – per esempio un bambino molto piccolo o un malato – non è per questo è meno persona. Ognuno di noi ha assistito qualcuno: io ho assistito la mia mamma che era prima in coma poi in stato vegetativo e non era meno mia madre, meno persona, meno lei stessa anche quando non mi rispondeva apparentemente. C’è un mistero nella creaturalità e nella qualità di persona che dobbiamo sempre avere presente e rispettare.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
bioetica
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni