Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Mons. Luigi Novarese e la “circostanza speciale” della sofferenza

© DR
Condividi

L'apostolo dei malati, fondatore dei Silenziosi operai della Croce e del Centro volontari della Sofferenza, verrà beatificato l’11 maggio prossimo

Se togliamo a chi soffre la possibilità dell’azione spirituale a che serve la loro vita?
 La società non potrà da noi pretendere un lavoro materiale, ma potrà sempre con tutto diritto, aspettarsi l’apporto spirituale, che è una reale attività, tanto necessaria ai nostri giorni”. E’ “tutto qui” il messaggio di mons. Luigi Novarese, fondatore dei Silenziosi operai della Croce e del Centro volontari della Sofferenza, che verrà beatificato l’11 maggio prossimo nella basilica di S. Paolo a Roma.

L’intuizione di mons. Novarese non nasce da una elaborazione teorica ma muove dalla sua personale esperienza di dolore. Nato a Casale Monferrato (Al), il 29 luglio 1914, vive dai 9 ai 17 anni una esperienza di malattia che gli fa conoscere nella propria carne limiti e risorse di questa condizione. “L’isolamento della tua camera, testimone muta di tanti sospiri e magari lacrime amare e cocenti – scrive nel settembre del 1973 su L’Ancora, la rivista di collegamento dei Volontari della sofferenza -, è soltanto un simbolo della distanza che c’è tra te e la tua vita di ieri: il vortice degli affari, dell’arrivismo; il vortice, forse, delle passioni; il vortice della politica.
Tu, ormai sei solo, inchiodato in un angolo dalla sofferenza, che ti ha afferrato e vedi, in lontananza, lo scorrere della cosiddetta vita, a cui tu pure sei appartenuto, ed ancora appartieni, e ti sembra di essere escluso”.

Tuttavia c’è un altro modo per leggere l’esperienza della sofferenza: “Se consideri però in profondità, la tua sofferenza – scrive Novarese nello stesso testo – può anche non essere un isolamento forzato, ma una circostanza speciale della tua esistenza, che ti ha distaccato dalle apparenze ed ha posto i tuoi piedi sulle realtà, che uniche, devono interessare gli uomini di buona volontà, sia che godano del dono della salute o meno”.


Infatti: “Se il dolore non ti avesse afferrato e non ti avesse costretto a considerare il mondo dello spirito che si dischiude dinanzi a te con una panoramica, che si apre e dilata il tuo cuore alla gioia ed alla speranza in proporzione della tua fede, tu non avresti oggi questa maturità, questa visualità nuova, che sorge proprio sul presupposto della tua nuova situazione, che, da tecnico del mondo del lavoro e della forza della vita, ti rende, giorno per giorno, uno specialista, un produttore, un tecnico delle conquiste dello spirito”.


Guarito prodigiosamente nel 1931 grazie all’intercessione della Vergine Ausiliatrice e di don Bosco, Novarese sceglie come missione di vita quella di aiutare ammalati e disabili a dare un senso alla propria sofferenza, affinchè da fonte di disperazione si trasformi in strumento di bene attraverso la consolazione e la speranza che vengono da Dio.

“Il problema della finalità e del modo in cui va utilizzata la sofferenza – scrive Novarese nell’aprile del 1950 sul primo numero de L’Ancora spiegandone le finalità – è uno dei più urgenti; da questa sofferenza, sopportata con serena docilità ai divini voleri, forse dipende la pace delle nazioni tra di loro, con questa sofferenza noi possiamo salvare tante anime”. Allo stesso modo in cui “tutti siamo chiamati a portare il nostro contributo alla ricostruzione della società (n.d.r. era da poco terminata la seconda Guerra mondiale e si avviava la ricostruzione), come, del resto, tutti hanno il dovere di lavorare” così “il nostro lavoro è soffrire”. 

Per Novarese “bisogna dunque sopportare il dolore con intelligenza cristiana, altrimenti soffriremo inutilmente ossia, non compiremo tutto il nostro dovere da buoni operai della società, in altre parole, saremmo dei disertori del posto che il Signore ci ha assegnato”.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni