Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 28 Gennaio |
San Tommaso d'Aquino
home iconStile di vita
line break icon

La Chiesa sia una “spina nel fianco della mafia”

©GIANCARLO GIULIANI/CPP

Aleteia - pubblicato il 22/04/13

Il Cortile dei Gentili, promosso dal cardinale Gianfranco Ravasi, sbarca in Calabria

“La contiguità tra sacro e criminale è un fenomeno radicato da tempo. Forse la comunità ecclesiale non lo ha combattuto abbastanza”. La Chiesa deve quindi impegnarsi di più per essere una “spina nel fianco della mafia”.

Si è espresso in questo modo il cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio per la Cultura, portando il 20 aprile in Calabria il “Cortile dei Gentili”, la struttura vaticana per il dialogo con i non credenti. Dopo l'esperienza di Palermo, anche nella seconda tappa nel sud d'Italia del ciclo mondiale di incontri voluto dal dicastero vaticano, sul tema “Etica, religiosità e responsabilità”, sono emerse le discussioni sulla criminalità organizzata.

Per il porporato, che ha dialogato con i procuratori Giuseppe Pignatone, appena arrivato a Roma dopo l'esperienza a Reggio Calabria, e Michele Prestipino, aggiunto della Dda reggina, si riscontrano “situazioni cristallizzate nel tempo di una forma religiosa degradata”, “ma se si arriva al punto di pregare prima di andare ad ammazzare un'altra persona siamo nella degenerazione totale, nella blasfemia”. Come ha fatto papa Giovanni Paolo II in Sicilia, bisogna ricordare che “i mafiosi sono fuori dalla Chiesa nonostante usino tutti i simboli religiosi. La loro è pura idolatria, negazione di Dio” (La Repubblica, 20 aprile).

Non basta che la Chiesa annunci i principi, “si tratta di operare all'interno come spina nel fianco per far cadere la connessione tra incultura, religione e crimine. Serve un'opera di educazione e presenza già con i bambini e poi con le famiglie, che specie in Calabria diventano il vincolo di sangue, primo problema nella sfida alla criminalità”. Ci sono parroci che lo fanno, ha riconosciuto citando l'esempio di don Pino Puglisi a Palermo. “Fu messo a tacere e ora è stato riconosciuto il suo martirio, che apre le porte alla beatificazione. Chi lo ha ucciso è un persecutore della fede, anche se ha le statue della Madonna in casa”.


Le dichiarazioni generali, ha aggiunto il cardinal Ravasi, “ci sono”, “ora si deve lavorare sul tessuto quotidiano. Si deve coinvolgere la comunità in azioni concrete, a partire dalle purificazioni delle feste patronali e delle processioni” e dalla scuola, “per generare un modello antropologico”.


 Per il procuratore Pignatone, la criminalità organizzata mette in atto “un'enorme strumentalizzazione” del sentimento religioso (Ansa, 20 aprile). Se la posizione ufficiale della Chiesa è molto forte, è anche vero che alcune ricerche mostrano che “spesso la Chiesa ha considerato la mafia non un suo problema ma delle istituzioni statali, soprattutto di magistratura e polizia”. “Sicuramente l'apparato repressivo deve fare la sua parte per aprire spazi di libertà alla società civile, ma quegli spazi poi devono essere occupati. La prima cosa, in ogni caso, è prendere sempre le distanze dalla 'ndrangheta”.

Il procuratore Prestipino ha ricordato dal canto suo che in Sicilia e in Calabria sono stati arrestati molti capi mafia e “a nessuno mancava un'immagine sacra”. Nel covo di Provenzano, oltre alla Bibbia e a un libro di preghiere, sono stati trovati quadri con soggetti religiosi e ben 91 immagini sacre. “Interrogarsi sul perché ciò accada, a dispetto di ogni apparente logica, è importante perché permette di fare un passo avanti nella conoscenza e nel sapere sulle mafie”, indispensabile per un'efficace organizzazione di contrasto sul piano sociale, culturale e religioso, cominciando “dai gesti all'apparenza più piccoli”, come ha sottolineato Pignatone, perché “peggio dei singoli delitti è l’avvelenamento progressivo della società che ormai è assuefatta al male” (Vatican Insider, 22 aprile).

Nel fenomeno mafioso, ha commentato il cardinal Ravasi, la religione è “completamente priva di fede”, limitandosi a “partecipazione alla ritualità o aggregazione ad una determinata comunità per ragioni diverse”. In questo contesto, “il vero credente non dice soltanto ‘pregherò per i mafiosi perché si convertano’, ma deve mettersi a combattere, ad operare, a far sì che la sua fede diventi anche impegno etico e sociale. Il credente deve entrare nella società e combattere le strutture di peccato del mondo”.

Tags:
camorragianfranco ravasimafia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Claudia Koll Vieni da me Rai1
Silvia Lucchetti
Claudia Koll: ho pregato tanto per mio figlio malato e ho ricevut...
5
WOMAN,OUTSIDE,BORED
Gelsomino Del Guercio
Soffri di accidia? Scoprilo e segui i rimedi di un monaco del IV ...
6
BRUISED CORTO ANIMATO ROK WON HWANG
Catholic Link
Corto animato: abbracciami, Signore, perché nel dolore voglio rif...
7
messe avec masques
Lucandrea Massaro
Cambia di nuovo il Rito della pace durante la Messa
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni