Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Al via la XVII GBV, dalla parte dei bambini violati

© szefei
Condividi

Iniziativa dell'Associazione Meter per le vittime della pedofilia

25 aprile-5 maggio: sono queste le giornate del 2013 dedicate ai bambini vittime della violenza, dello sfruttamento e dell'indifferenza contro la pedofilia. La XVII edizione della GBV- Giornate Bambini Vittime si concluderà il 5 maggio con la partecipazione di una delegazione alla recita del Regina Coeli con papa Francesco in Piazza San Pietro.

Le Giornate sono organizzate dall'Associazione Meter Onlus di don Fortunato Di Noto. Tanti i messaggi giunti già da ora, come quello del cardinale Carlo Caffarra, arcivescovo di Bologna, per il quale “l’attenzione ai bambini, ed in particolare a quelli che hanno subito o subiscono violenza, deve essere privilegiata nella Chiesa”. “L'innocenza e la semplicità dei bambini sono valori preziosi anche per tutti noi, per cui bisogna impegnarsi a difenderli e custodirli”, ha sottolineato il cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli. Per questo, il vescovo di Acqui Terme Pier Giorgio Micchiardi si augura che il popolo cristiano “avverta sempre più la necessità di stare accanto ai bambini”.

 Il vescovo di Noto, monsignor Antonio Staglianò, ha scritto nel messaggio che ha inviato a Meter che la violenza contro i bambini “rinnega e nega i legami umani più profondi e frantuma la comunione tra fratelli e con lo stesso Cristo crocifisso. Chi abusa, maltratta e disumanizza i piccoli è distante da Dio e tutti noi dobbiamo prendere le distanze da lui, affinché non esista mai una compiacenza o un velato silenzio verso l'agire di chi schiaccia e lede l'Innocenza”. La Chiesa, ha aggiunto, “è dei piccoli”, e la GBV è dunque “un segno che va condiviso, promosso e sostenuto”.

Il tema della GBV di quest'anno, l'espressione della Lettera di Giacomo “La fede senza le opere è morta”, è per il presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia, monsignor Vincenzo Paglia, un “formidabile appello a porre maggiore attenzione e impegno da tradurre nella pastorale ordinaria della Chiesa e nelle azioni sociali di vicinanza e aiuto alle vittime di ogni forma di violenza”. La prima violenza contro i bambini, ha indicato, “è quella di negare loro il diritto ad avere un padre e una madre”.

Per don Di Noto, “è consolante, in mezzo a tante difficoltà, leggere le parole di amore e vicinanza ai bambini dei vescovi italiani. I successori degli Apostoli ci invitano a camminare con maggiore fiducia sulla strada della Chiesa e di Dio”. Il sacerdote ha espresso particolare riconoscenza a “un amico di Meter”, papa Benedetto XVI. “Non possiamo dimenticare quanto ha fatto e preghiamo perché papa Francesco continui con la stessa forza sulla strada della difesa dei piccoli e i deboli”.

La GBV è nata nel 1995, e si è diffusa in Italia e all’estero quando don Fortunato Di Noto ha salvato una bambina dal tentativo di suicidio e ha iniziato a contrastare la pedofilia e la pedocriminalità. Viene celebrata dal 25 aprile alla prima domenica di maggio e gode da sempre dell’adesione e del patrocinio delle più alte cariche dello Stato – Presidente della Repubblica, Camera e Senato.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.