Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
Chiesa

L'incontro tra due papi, un gesto storico nella continuità

©OSSERVATORE ROMANO/CPP

Aleteia - pubblicato il 25/03/13

Papa Francesco e Benedetto XVI si incontrano a Castel Gandolfo come “fratelli”

Sabato 23 marzo è un'altra delle giornate di questo 2013 che passeranno alla storia. In un evento senza precedenti, il papa regnante ha incontrato quello emerito, due figure vestite di bianco unite nel bene della Chiesa.

Papa Francesco è infatti volato in elicottero a Castel Gandolfo, dove il suo predecessore Benedetto XVI sta soggiornando dopo le sue dimissioni, entrate in vigore alle 20.00 del 28 febbraio scorso. Entrambi indossavano la talare, cioè la veste che arriva ai talloni, bianca, sulla quale il papa emerito non aveva nulla, mentre quello regnante aveva la mozzetta – la mantellina aperta sul petto -, dello stesso colore e della stessa stoffa della talare, e la fascia intorno alla vita (Corriere della Sera, 24 marzo).

In questa situazione senza precedenti – mai era accaduto che un pontefice “si dimettesse per vecchiaia rimanendo ad abitare vicino al successore e vestendosi ancora da papa” e che il vescovo di Roma “avesse accanto l’emerito a cui fare riferimento e poter chiedere consiglio” -, la parola d'ordine tra Benedetto XVI e papa Francesco sembra essere “continuità”, a dispetto dei tanti che in questi giorni hanno rilevato una frattura tra i due pontificati, come se tanti degli argomenti affrontati dal nuovo pontefice, come la difesa del creato o l'opposizione a carrierismo e mondanità spirituale nella Chiesa, non fossero stati trattati anche da papa Ratzinger  (La Stampa, 24 marzo).

Lo storico incontro a Castel Gandolfo, sotto il segno della tenerezza e della semplicità (Rosso Porpora, 24 marzo), “promessa di serenità e di pace per tutto il popolo cristiano, per l'umanità intera”, come lo ha definito il portavoce vaticano padre Lombardi (Corriere della Sera, 24 marzo), ha visto procedere Bergoglio e Ratzinger con un'armonia spontanea: “l'abbraccio all'eliporto, senza alcun segno di sottomissione o anche solo di deferenza dell'uno verso l'altro; il viaggio in Mercedes, con Francesco seduto dietro a destra, il posto del papa, e Benedetto a sinistra”, l'aver preso l'ascensore di Castel Gandolfo insieme, mentre è tradizione che il papa salga da solo.

Solo a un tratto hanno avuto un momento di incertezza: entrati in cappella, Bergoglio ha distanziato Ratzinger, che avanzava lento con il bastone. “Francesco si è trovato davanti l'inginocchiatoio bianco riservato al Pontefice. D'istinto ha fatto per avvicinarsi. Poi, interpretando un cenno del predecessore, gli ha ceduto il posto e si è mosso verso il fondo della cappella. Ma Benedetto gli ha fatto segno che in fondo sarebbe andato lui. Al che Francesco gli ha stretto la mano tesa e gli ha proposto di pregare insieme: due pontefici inginocchiati nello stesso banco”, perché, come ha detto il papa al suo predecessore, “siamo fratelli” (Corriere della Sera, 24 marzo). “Niente di più bello di quella corsa ad essere secondi” (Il Sussidiario, 25 marzo). Ed ecco allora l'immagine di due uomini in bianco inginocchiati davanti a una Madonna Nera di Czę, qualcosa che il mondo non aveva neppure osato pensare possibile (La Repubblica, 24 marzo).

Nessuna contrapposizione, quindi. I due papi rappresentano lo stesso servizio al Vangelo, ma reso con linguaggi e espressioni diverse. Se i quattro evangelisti erano tanto diversi – Luca con l’opzione preferenziale per i poveri, Matteo che coglie maggiormente l’orizzonte dell’insegnamento e del compimento della Legge-Torah, Marco che sottolinea tutto lo spessore umano del Figlio dell’Uomo e Giovanni che preferisce leggere tutta la vicenda di Gesù come storia e gloria dell’Amore –, “non potrebbero esserlo anche i vescovi e dunque anche quello di Roma, successore non di un evangelista ma dell’apostolo Pietro?” (La Stampa, 24 marzo).

“Si affida a Francesco, Benedetto, come avendogli messo fra le braccia la Chiesa; si affida a Benedetto Francesco, nella certezza della forza di quel 'servizio della preghiera' cui il Papa emerito si è votato. E noi che siamo il popolo di Dio ci sentiamo presi dentro quell’abbraccio”, “tranquilli, sorretti, affidati” (Avvenire, 24 marzo).

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
papa francesco
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni