Aleteia
mercoledì 21 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
News

La casa dei cardinali durante il conclave

Chiara Santomiero - pubblicato il 08/03/13

Da martedì 12 tutti nella “Domus Sanctae Marthae”

Centosei suite, 22 singole e un appartamento: sarà questa la sistemazione riservata ai cardinali durante il conclave che inizierà il 12 marzo.

I porporati saranno alloggiati nella Domus Sanctae Marthae (Casa Santa Marta), nei pressi della Basilica di S. Pietro, che la la costituzione apostolica Universi Dominici Gregis riserva a “uso esclusivo dei cardinali elettori durante il conclave per l'elezione del Sommo Pontefice”.

La residenza, creata per volontà di Giovanni Paolo II, sorge dove prima esistevano l'Ospizio di Santa Marta e il Dispensario Pontificio di Santa Marta fatti costruire da papa Leone nel 1891 per l'assistenza ai malati dei rioni a ridosso dello Stato vaticano, anche per fronteggiare l'epidemia di colera che imperversava in quell'epoca in diverse città italiane. Durante la seconda guerra mondiale qui vennero accolti anche profughi, ebrei e ambasciatori dei paesi che avevano rotto le relazioni diplomatiche con l'Italia.

E' stabilito che le stanze siano estratte a sorte durante le ultime fasi delle congregazioni generali per, ha spiegato il portavoce della sala stampa vaticana padre Federico Lombardi, garantire “l'oggettività dell'assegnazione e la non preparazione di contatti preferenziali tra cardinali: ognuno di loro non avrà scelto il suo vicino”.

L'appartamento, invece, è riservato al nuovo pontefice che dopo l'elezione vi si trasferirà in attesa che dall'appartamento nel Palazzo apostolico vengano rimossi i sigilli e si proceda alla sua sistemazione per il nuovo inquilino. Mentre le suite cardinalizie presentano due zone separate per la stanza da letto e lo studio, l'appartamento del nuovo eletto presenta anche un salotto per ricevere visite con divanetti rivestiti di velluto azzurro, che risalta contro i colori scuri dei mobili di legno pregiato e il lucidissimo pavimento in parquet.

Questo appartamento, in tempi “normali”, è riservato agli ospiti di maggior riguardo così come casa Santa Marta è aperta ad offrire ospitalità “in spirito di autentica fraternità sacerdotale” al personale ecclesiastico in servizio presso la Segreteria di Stato e presso gli altri dicasteri della Curia romana, nonché ai cardinali e ai vescovi di passaggio nella Città del Vaticano.

Al momento della sede vacante, però, tutti gli ospiti devono liberare la Domus che viene riservata ai cardinali elettori e a coloro che hanno già una residenza in Vaticano ma, secondo la Universi Dominici Gregis, devono entrare a far parte del conclave perché la loro presenza è importante per il regolare svolgimento dei lavori: il segretario del collegio cardinalizio, il maestro delle celebrazioni liturgiche pontificie, i cerimonieri, alcuni religiosi di varie lingue disponibili per le confessioni, gli addetti ai servizi della mensa e delle pulizie e due medici per eventuali emergenze. Tutte queste persone devono essere approvate dal cardinale camerlengo.

Da Casa Santa Marta, durante il conclave, i cardinali elettori potranno recarsi alla Cappella Sistina a piedi o con un autobus messo a loro disposizione: attorno a loro verranno prese tutte le misure necessarie ad assicurare la riservatezza di quanto sta accadendo sotto lo sguardo dei beati e dei dannati del Giudizio universale di Michelangelo.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
cardinaliconclave
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni