Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 06 Agosto |
Sant'Oswaldo di Northumbria
home iconNews
line break icon

Il cardinale Christoph Schönborn, il “figlio spirituale” di Ratzinger

padre Dwight Longenecker - pubblicato il 08/03/13

Figlio di aristocratici tedeschi, è colto e poliglotta

Uno dei dettagli affascinanti che emergono quando si considerano i cardinali della Chiesa cattolica è la vasta gamma non solo di nazionalità, ma anche di background di tipo socio-educativo. Il figlio di un camionista qui, quello di un contadino lì. Da una parte il figlio di una famiglia borghese di un Paese sviluppato, dall’altra quello di operai di un Paese in via di sviluppo. Qui il figlio di un agricoltore statunitense, lì il rampollo di un’aristocratica dinastia europea.

Il cardinale Christoph Schönborn appartiene alla nobile e venerabile famiglia boema degli Schönborn-Buchheim-Wolfstahl. Nel corso degli anni, la sua famiglia ha dato alla Chiesa due cardinali e 19 arcivescovi, vescovi, sacerdoti e suore. Il cardinale segue le orme del suo prozio, il cardinale Franz Graf Schönborn, che era anche alla guida dell’episcopato austriaco.

Dopo la II Guerra Mondiale, la famiglia Schönborn venne costretta ad abbandonare la Boemia. Christoph è entrato nell’Ordine domenicano nel 1963, studiando poi Teologia a Parigi e Filosofia e Psicologia a Bornheim-Walberberg. Ha compiuto altri studi all’Institut Catholique di Parigi e ha studiato Cristianesimo slavo e bizantino alla Sorbona. È stato allievo di Joseph Ratzinger a Ratisbona, ha conseguito un dottorato in Teologia Sacra a Parigi e ha insegnato Teologia presso l’Università di Friburgo (Svizzera). Parla correntemente sette lingue ed è noto come principale editore del Catechismo della Chiesa Cattolica.

 Come arcivescovo di Vienna, il cardinale Schönborn ha affrontato periodi tormentati, dovendo affrontare una Chiesa in subbuglio e aiutandola a stabilizzarsi dopo uno scandalo di abusi sessuali. È sembrato tuttavia impotente nel far fronte a un’aperta ribellione di alto livello nel clero liberale che chiede riforme nella Chiesa su questioni come il celibato e l’ordinazione femminile. Ha anche avuto scontri con alti officiali vaticani ed è stato criticato per aver interferito in dispute interne in settori della Chiesa al di là della sua autorità.

Come sarebbe un pontificato di Schönborn? Ha sicuramente l’acume intellettuale per guidare la Chiesa. È stato definito il “figlio spirituale” di Benedetto XVI, per cui sarebbe un conservatore e un affidabile difensore della fede. Non è solo un valido accademico, comunica bene anche con la gente ordinaria. Sa poi usare i media: ha eloquenza, è popolare e in grado di comunicare con persone di estrazione diversa, compresi i giovani.

Il cardinale Schönborn è attivo nella Nuova Evangelizzazione ed è un grande sostenitore della nuova missione e dei movimenti spirituali che attirano i giovani. Ho incontrato il cardinale quando visitavo Vienna per una conferenza sulla Nuova Evangelizzazione. Ha parlato bene e con passione, ed era a suo agio con i tanti giovani che volevano ascoltarlo e parlare con lui. Parlando molte lingue ed essendo un abile comunicatore, si troverebbe bene nella posizione più elevata. Saprebbe gestire tutti gli aspetti del pontificato più di Benedetto XVI, caratterizzato da un fare riservato.

La questione è che Schönborn sembra spesso prendere una posizione, farsi coinvolgere in un problema, mettere un piede in fallo e poi cercare di fare ammenda. In lui ci sono un’ambiguità e un’incertezza che lasciano perplessi. Il suo modo di gestire la crisi nella sua arcidiocesi è stato un esempio di leadership debole e inefficace o è stato sensibile a livello pastorale, pronto ad ascoltare e al compromesso, a lavorare dietro le quinte per mantenere l’unità? Un’ambiguità simile potrebbe significare una mancanza di spina dorsale per avviare la riforma di cui la Chiesa ha bisogno in questo momento.

  • 1
  • 2
Tags:
conclavepapabili
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
MADELEINE PAULIAC
Sandra Ferrer
La dottoressa che aiutò a partorire delle suore violentate
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
DEVIL, 2020, ADVERTISING
Gelsomino Del Guercio
Il potere malefico degli angeli cattivi: fin dove può arrivare il...
4
BISHOP BARRON
Francisco Vêneto
Il vescovo Barron mette in guardia sull’ideologia del testo...
5
CARLO ACUTIS
Violeta Tejera
La prima vetrata che ritrae Carlo Acutis in jeans e scarpe da gin...
6
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
7
DOCTOR
Vanderlei de Lima
La sofferenza è una punizione di Dio?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni