Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 30 Ottobre |
San Gaetano Errico
home iconApprofondimenti
line break icon

Cosa ci insegna la rinuncia di Benedetto XVI?

Roberta Sciamplicotti - pubblicato il 01/03/13

È il papa ad essere al servizio della Chiesa, non il contrario

La scelta di Benedetto XVI di rinunciare al pontificato insegna cosa vuol dire davvero servire la Chiesa e qual è il reale compito del papa. Con la scelta della rinuncia, ha infatti ricordato che è il papa ad essere al servizio della Chiesa, non viceversa. La funzione del successore di Pietro è dunque di servizio, e un servizio lo si può svolgere al massimo grado “proprio facendosi da parte, proprio tornando a separare l'uomo (in questo caso Joseph Ratzinger) dalla funzione di Papa che gli era stata conferita dai cardinali sotto ispirazione dello Spirito Santo” (Vino Nuovo, 28 febbraio).

Se si ha la certezza che la Chiesa è di Cristo ed è affidata a Lui, si può fare tutto, “anche lasciare la sedia vuota” “perché venga un altro. Perché è certo che verrà e sarà come deve essere, mentre tu vai ad aprire la porta a qualcuno che bussa. E mostri a tutti – a chi è seduto e a chi verrà – che forse bisognerebbe alzarsi, perché è l'ora e il momento, e troppe cose premono da fuori” (Il Sussidiario, 28 febbraio).

L'idea di sacerdozio di Joseph Ratzinger, del resto, non coincide mai con l'attaccamento a un ruolo o a una carriera, tendenza negativa contro la quale ha sempre messo in guardia anche gli uomini di Chiesa (Avvenire, 28 febbraio), richiamando invece alla “vera umiltà cristiana, mai separata dal coraggio”, quella che ha guidato il gesto del pontefice, “conseguenza di un ascolto che il Papa ha continuamente con il Signore”, come ha sottolineato il Patriarca di Venezia, monsignor Francesco Moraglia (Radio Vaticana, 17 febbraio). Come ha ricordato anche il predicatore della Casa Pontificia, padre Raniero Cantalamessa, la scelta del papa di rinunciare è dunque “un esempio enorme di distacco dal potere” e “una lezione per tutta la Chiesa a “rientrare nella vita semplice, contemplativa” (Radio Vaticana, 27 febbraio).

 Papa Ratzinger lascia dunque la lezione che “si riceve la vita quando si è disposti a donarla completamente e illimitatamente a Cristo, per appartenere a Lui e non a se stessi, per sempre”. La decisione di rinunciare all’esercizio attivo del ministero non revoca questo “per sempre”, perché, come ha spiegato il pontefice stesso, resterà “in modo nuovo presso il Signore Crocifisso” (Vatican Insider, 27 febbraio). Per questo, padre Cantalamessa ha sottolineato che i fedeli non devono sentirsi disorientati perché “il vero capo della Chiesa è Gesù Cristo, quindi la sede non è vacante nel senso profondo” (Radio Vaticana, 27 febbraio).

Rinunciando al pontificato, Benedetto XVI ha quindi messo in pratica “la libertà dei figli di Dio, il coraggio di andare controcorrente” per il bene della Chiesa e “nella libertà di chi segue una coscienza sempre orientata verso l’Assoluto, con il coraggio di restare sulla Croce ma in modo diverso, a rischio di non essere capito”, perché amare la Chiesa vuol dire anche “avere la forza di fare scelte difficili e sofferte” (Avvenire, 28 febbraio).

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
dimissionipapa benedetto xvirinuncia al ministero petrino
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
Timothée Dhellemmes
Seconda ondata di Covid: in Europa il culto c...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni